Anglotedesco

Anglotedesco

domenica 6 maggio 2012

Su 33.297 aziende,il 50% sono irregolari.Mica male...


Cooperativa Melograno (Pr) ,una cooperativa di... di anglotedesco

 

 

Gli ispettori ministeriali ,nei primi tre mesi del 2012, hanno ispezionato 33.297 aziende riscontrando irregolarità in 16.665,vale a dire la metà,trovando 31.866 lavoratori irregolari,un terzo dei quali totalmente in nero.
Tra me e i "padroni" non c'è mai stato un gran feeling, in tutti i posti che frequento non mi piace chi comanda.Questa percentuale di fabbriche irregolari non mi sorprendono piu di tanto, questo è un paese democristiano falso dove con la scusa del perdono o della seconda possibilità da concedere a tutti, si cerca sempre di commettere reati e guai chi si azzarda a dirgli qualcosa, bisogna sempre prendersela con il "medico" che "cerca di curare la malattia".
Gran parte degli imprenditori italiani, da sempre (la crisi è solo una scusa) cercano di fare i furbetti, in  altri paesi sviluppati come Germania, Inghilterra o Francia, le cose funzionano meglio ,l'operaio è piu tutelato anche perchè li c'è piu severità.
Io ,prima di passare agli impianti sportivi, ho lavorato in fabbrica fino al 1999, su 5 fabbriche dove sono stato, 4 commettevano irregolarità (ben prima dello scoppio della crisi).L'immigrazione a loro fa piacere, li assumono in nero,li pagano la metà e poi danno la colpa agli italiani che non vogliono piu fare certi lavori,anche perchè il numero dei controlli da parte degli ispettori ministeriali  è decisamente insufficiente.Una volta c'era Silvio Berlusconi che li difendeva facendo leggi che li proteggeva da tutto, mentre perla tutela degli operai,zero.

Qui sopra c'è un video di una cooperativa che fa la furbetta,con cinque persone,facendo lavorare in nero e senza averli pagati, inventandosi un ridicolo periodo di prova.                                                                                                                                                                                                                

Nessun commento:

Posta un commento