Anglotedesco

Anglotedesco

mercoledì 13 giugno 2012

PIO MARIA DEJANA:che strano aver incontrato Di Pietro ad Hong Kong nel 1993




Non è detto che pubblicando questi pezzi del libro, stia con Mario Di Domenico e contro Antonio Di Pietro; Tonino ha denunciato l'avvocato abruzzese e sarà la magistratura a decidere chi avrà ragione.Questa storia è curiosa e fa riflettere sopratutto dimostra che IL FATTO QUOTIDIANO è bravissimo ad indagare sui partiti che non si chiamano IDV.Vorrei vedere se ad Hong Kong con questa strana valigetta ci fosse stato Berlusconi (scontato perchè per scrivere sul FATTO devi odiarlo) ,Casini, Bersani: avrebbero scritto pagine e pagine ma siccome c'è quell'Antonio Di Pietro,ospite a Taneto di Gattatico (RE) alla festa del quotidiano diretto da Antonio Padellaro , zitti.Questo è il giornalismo all'italiana.

Se devo tirare le orecchie a Di Pietro lo faccio per aver firmato (insieme anche a Forza Italia) il Trattato di Lisbona, dittatura europea che colpisce sopratutto le fasce piu deboli.Su la giustizia però ha ragione, propone leggi severe per chi fa il furbo,e non a caso è odiato da tutti in parlamento.Il discorso che ha fatto oggi in parlamento è sacrosanto.



da IL COLPO ALO STATO-Mario Di Domenico (Edizioni SI)

Per raccontare una storia levi devi prima provare a capirla e poi chiedere a chi la conosce e, di solito,chi la conosce non la sa neppure troppo bene o non lo ricorda,quindi ti sforzi ancora di capire.Sta di fatto che la curiosità è servita almeno a dimostrare come in Italia,a discapito dei pessimisti e a differenza che in Cina,non è proprio possibile alcuna forma di riciclaggio.Non ci credete? L'abbiamo sperimentato.

Pio Maria Dejana non è piu un ragazzino e quando gli ho chiesto di potergli porre alcune domande,ha dimostrato di saper mantenere, rispetto ad esse,anche un notevole senso dell'humor.

In maiuscolo le domande (non tutte) di Mario Di Domenico a Pio Maria Dejana.


AVETE CONCLUSO L'AFFARE?

Abbiamo firmato il contratto per 786 miliardi di dollari di cui 610 miliardi.Finanziati dalla legge Ossola,se è questo che vuol sapere.


E IL GIUDICE TONINO COSA C'ENTRA?

Niente, lui che è il simbolo della verginità dell'integrità assoluta e della purezza,mi è rimasto impresso quando l'ho visto a Hong Kong,al piano terra,prima che prendesse le scale mobili per salire alla hall della banca HSBC.

MA QUESTO QUANDO ACCADEVA?

Accadeva esattamente fra la primavera e l'estate del 1993,credo a maggio.


LEI E' CERTO DI QUESTO E SOPRATUTTO CHE SI TRATTASSE PROPRIO DEL GIUDICE TONINO?

Non solo sono assolutamente certo, ma lho anche salutato,non capita mica tutti i giorni di vedere un giudice,poi così importante,su quella scalinata.Era lui.Gli ho anche stretto la mano,e lui per farlo ha passato la pesante valigia sull'altra mano.


SCUSI,HA MAI CONOSCIUTO L'AVVOCATO AGOSTINO RUJU O HA AVUTO A CHE FARE CON LUI?

Non l'ho mai conosciuto e non so chi è.

PUO' DIRE,PER FAVORE,SE IL DR DI PIETRO,IN QUELL?OCCASIONE ERA DA SOLO O ERA IN COMPAGNIA DI QUALCUNO,MAGARI UN UOMO UN PO' GRASSOTTELLO,NON TROPPO ALTO,SE AVEVA UN CORDONE DI SICUREZZA O ALTRE PERSONE INTORNO?

Le ripeto che erasolo.Io ero appena uscito dal Mandarin Oriental Hotel e stavo facendo due passi quando me lo sono visto davanti all'ingresso del palazzo.Naturalmente poi ne ho parlsato con gli amici nei giorni successivi perchè mi è sembraqta una cosa dell'altro mondo.


CON CHI NE HA PARLATO,SI RICORDA?

Certo ne parlai con Mario Leone,allora responsabile della Cassa di Risparmio di Torino a Hong Kong,con Marco Loi,un dirigente Telecom da poco arrivato a Hong Kong ed altri che al momento non ricordo.


MA LEI E' PROPRIO SICURO CHE IL GIUDICE DI PIETRO FOSSE SOLO,VOGLIO DIRE E' PROPRIO SICURO CHE NON CI FOSSERO ALTRE PERSONE AL SEGUITO CHE SO' COLLABORATORI O AGENTI DELLA SCORTA?

Era assolutamente solo e portava una valigia di una certa pesantezza.Quell'immagine mi è rimasta impressa perchè il polso era tirato.Si vedeva che era tirato per lo sforzo.La valigia pesava e la carta pesa piu dei vestiti.Lui indossava una camicia estiva,ma li è sempre estate.

HA POTUTO VEDERE IL CONTENUTO DELLA VALIGIA?

No, ma ne ho viste tante di persone entrate con valigie pesanti ed uscire poi a mani vuote.Io non so.Cosa porta un giudice? Atti giudiziari,documenti ,soldi...Non l'ho pensato,ma poi ripensandoci uno in banca a porta documenti o porta soldi.E siccome io ho visto un certo Prandini, che è stato Ministro ecc ecc...fare la stessa cosa.E siccome in quella banca era notorio che accadessero certe cose,mi son fermato ad osservare Di Pietro fare le stesse cose.Quando poi ho visto che portava la valigia,a ripensarci dopo mi son detto quello era Pacini Battaglia... quello che poi disse quelli mi hanno sbancato,sbiancato...Se lo ricorda?


QUINDI LEI SOSTIENE ED HA POTUTO CONSTATARE CHE IL CONTENUTO DELLA VALIGIA ERA DI UN CERTO PESO?

Io credo che rosari non ce n'erano.Immaginette sacre lì non erano gradite.Calzini e vestiti sporchin neppure.E poi non pesano.Non tirano il polso.E chi gli aveva dato quella valigietta,era uno che,evidentemente,non poteva nè mandare documenti per posta,nè soldi banca,banca.Ci voleva il cash che non lascia traccia.


PERO' POTREBBE AVER PORTATO SEMPLICEMENTE LI' LA VALIGIA CONTENENTE ALTRO INNOCUO MATERIALE;PER POI PASSARE A RIPRENDERLA.LEI L'HA VISTO USCIRE?

Certo che l'ho visto uscire,ma la valigia non l'aveva piu con sè'.E vederlo uscire così mi ha fatto venire in mente le lavatrici cinesi.


IN CHE SENSO SCUSI?

Vede nella Chinatown ci sono le lavanderie,non per riciclare il danaro.No,per lavare i panni.Tutti usano le lavatrici,ma quando consegni la valigia con i panni sporchi i cinesi ti danno un biglietto,per poi ritirare la biancheria pulita e ti dicono:no tichet no shirt niente biglietto,niente camicia!

Siccome io ho portato in Cina sia i soldi che le camicie so bene cosa vuol dire e come si fa.Quando arrivi li c'è il direttore che ti riceve in una saletta;dipende naturalmente anche dalla potenzialità del deposito.Prendono ,aprono,li contano, paghi il contaggio,vai in cassa ti assegnano una cifra,ti danno la ricevuta e ciao...Fino al ritiro della biancheria!



DOPO CHE COSA E' SUCCESSO?

Beh capirà, ne ho parlato con gli amici alla prima occasione.In Cina non eravamo in tanti a frequentare l'Associazione Italo-cinese.


CON CHI NE HA PARLATO?

Guardi son passati 17 anni e la memoria può essersi sbiadita,ma di sicuro ne ho parlato con il dr Mario Leone ed il dr.Marco Loi,dei quali ho profonda stima stima e con i quali mi frequentavo con quell'amicizia che contraddistingue noi italiani all'estero.E poi cosa vuole la mia parola vale quanto la sua.Ma lo sapevamo tutti,perchè poi l'associazione, se non ricordo male,organizzò anche una cena.Ma potresti sbagliare.Di certo ne ho parlato con Mario Leone che era quello che a noi ci accoglieva nel suo ufficio in banca,alla Cassa di Risparmio di Torino".

Nessun commento:

Posta un commento