Anglotedesco

Anglotedesco

martedì 17 luglio 2012

Attenti quando parlate della Cina!




Sulla Cina si sentono tante informazioni false,non a caso è uno dei paesi che piu censura Internet, in Italia è vista come esempio sopratutto dal centrosinistra ,dal PD.


Il Partito comunista cinese ha 80 milioni di iscritti e l'80% dei nuovi è formato da giovani che cercano di sfondare ed entrare nei piani alti del potere per ottenere appalti e fare affari e se non hai la tessera "rossa" hai davvero poche chances.Il 90% dei ricchi è funzionario di partito ed è un sistema con altissima percentuale di corruzione.
E poi ci sono i poveri che sono 150 milioni che vivono con mezzo dollaro al giorno,schiavi che vengono utilizzati per costruire strade,ponti,palazzi di lusso per pochi soldi,ma i fanatici neoliberisti non li guardano.Si preoccupano di comprare i debiti dei paesi occidentali ma di trovare una sistemazione ai tanti disgraziati, la voglia è davvero poca.
In Cina è scoppiata una bolla immobiliare che è piu o meno tre volte piu grande di quella degli Usa prima che scoppiasse la crisi dei mutui subprime e l'esplosione di questa bolla con il contemporaneo calo delle esportazioni possono avere delle conseguenze devastanti, la disoccupazione potrebbere triplicare.E poi la frenata della crescita che è sotto l'8% tanto che allarma i mercati internazionali e preoccupa anche Pechino.La Banca Mondiale ha pubblicato dei dati da far volare basso i cinesi e i suoi tanti sostenitori occidentali:

La Cina nel 2012 crescerà dell'8,2% rispetto all'8,4% delle previsioni fatte in inverno.Ricordiamoci che nel 2011 la crescita del PIL fu del 9,2% , il 10,4% del 2010.

Nel mese di aprile i prestiti accordati dalle banche cinesi furono di 110 miliardi di dollari, un terzo in meno rispetto a marzo.Si parlava di anticipare prima dell'estate i finanziamenti pubblici per le infrastrutture previsti per dicembre,avrebbe dovuto portare liquidità sufficiente per coprire il calo delle esportazioni, ma le cose sono andate diversamente.

Con una crescita al di sotto dell'8% sarebbero problemi non solo per la Cina ma per l'economia globale e sarebbe molto difficile risollevare l'economia mondiale dalla crisi.

Nessun commento:

Posta un commento