Anglotedesco

Anglotedesco

sabato 7 luglio 2012

Grazie per l'indulto governo Prodi!



Sento molta gente,sopratutto politici, che si lamentano perchè sia i poliziotti che hanno ucciso Federico Aldrovandi (sua madre ha fatto bene a non accettare le scuse) sia quelli che hanno malmenato all'interno della scuola Diaz in occasione del g8 di Genova nel 2011, non hanno fatto un solo giorno di carcere.


Grazia a quell'indulto dei democristiani Prodi e Clemente Mastella (in compagnia di Andreotti il 2 giugno 2006 fece visita ai carcerati di Regina Coeli cantando insieme a loro "O sole mio" e "Roma nun fà la stupida stasera") votato sia a destra che a sinistra,allargato (guarda un po),anche a reati finanziari e corruzione molto diffusi tra imprenditori, politici e la chiesa.

L'immigrazione massiccia è cominciata piu o meno a fine anni 80', si sapeva che con l'arrivo di disperati senza lavoro e senza nulla,si sarebbero riempite ancora di piu le prigioni.Invece di costruire un numero sufficente di nuove carceri, si è preferito fare l'indulto per far uscire di galere molti loro colleghi o per non farceli andare.

In Germania il difensore brasiliano del Bayern Monaco Breno, che doveva venire in Italia a giocare con la Lazio, è stato condannato a 3 anni di galera per aver incendiato volontariamente la sua casa dove viveva con la famiglia.La non ci sono indulti ed è gia in carcere, stamattina sulla Gazzetta dello Sport c'era una foto dove si vede lui che si allena con altri detenuti.

Ricordiamo l'indulto con un pezzo del libro SE LI CONOSCI LI EVITI,Marco Travaglio e Peter Gomez (Chiarelettere)

La sera di sabato 29 luglio il Senato approva il piu gigantesco indulto della storia repubblicana con una delle maggioranze piu bulgare della recente vita parlamentare: 245 si, 56 no, 6 astenuti.diversi casi di senatori dissenzienti dai rispettivi partiti:gli ulivisti D'Ambrosio ,Zanone e Fisichella votano contro,Furio Colombo e Anna Donati (Verdi) si astengono,Cossutta del Pdci dice si.Esattamente come Matteoli e Valentino di An, guardacaso entrambi indagati.Mastella è raggiante e dedica "questa vittoria a quella figura stanca che arrivò in mezzo a noi a Montecitorio e ci diede un'indicazione:Giovanni Paolo II,un grande Papa".Manconi ripete che i beneficiari saranno i poveri cristi,gli stranieri,i tossicodipendenti e le mamme con bambini".



La legge 31 luglio 2006, n. 241 che concede l'induilto viene firmato quel mattino dal presidente della repubblica ed entra in vigore il 1 agosto.Da quel momento non passa giorno senza che i quotidiani raccontino uno o piu casi di efferati delitti di quanti tornano in libertà, suscitando un crescente allarme sociale.Anche perchè la gran parte degli "indultati" non ha altra scelta che tornare a delinquere (il governo,per i programmi di reinserimento di decine di migliaia di ex detenuti,stanzia la miseria di 30 milioni).

Il Dap (Dipartimento amministrazione penitenziaria) stima che usciranno grazie alla nuova legge 12.700 detenuti,di cui oltre duemila solo in Campania.Ma i numeri sono sbagliati.Proprio Mastella l'8 maggio del 2007 è costretto ad ammettere anche a soli 9 mesi di distanza dal provvedimento di clemenza gli scarcerati sono 26.201 (il doppio di quelli preventivati dal ministero): 18.189 (pari al 69,5% del totale) erano condannati in via definitiva,mentre 8012 hanno avuto la revoca della misura cautelare.In realtà,ancora una volta,i dati sono ritoccati per difetto:sono 43.000 i beneficiari dall'indulto,di cui 26.000 e rotti hanno avuto una riduzione del periodo di detenzione o la scarcerazione tout court,mentre altri 17.500 hanno visto cessare la pena alternativa che stavano scontando.Il 24 luglio,a un anno dall'indulto,i detenuti con pene definitive indultati sono saliti a 26.570,mentre i nuovi arrivi hanno riportato la popolazione carceraria al di sopra della capienza massima regolamentare:43.851 ospiti su 43.213 posti cella,anche perchè nessuno nel frattempo ha provveduto ad aprire nuove carceri.Il dato dei recidivi,che a maggio era "soltanto dell'11%", è già salito ,dice il sottosegretario Manconi, a soltanto il 15%.Cioè circa 3.900 persone.Ma secondo "Il sole 24 Ore",che cita dati dello stesso ministero,i recidivi riarrestati sono già 5.207.Cioè il 18,9% degli indultati.Il 12 settembre il ministro Santagata,rispondendo al question time,comunica al Parlamento che la quota di indultati riarrestati perchè recidivi è saliti al 22%.



Da allora le cose sono decisamente peggiorate.

Nessun commento:

Posta un commento