Anglotedesco

Anglotedesco

giovedì 5 luglio 2012

IL GOVERNO OMBRA.Washington e Vaticano (2 parte)



Be che l'Italia è sempre stata schiava degli Usa e del Vaticano non c'è bisogno che lo dica Maurizio Molinari nel suo splendido libro, la gente sveglia lo sa ,in questo paese però ce n'è poca.


Spesso ci sorprendiamo della malagiustizia in Italia, non c'è dubbio che i politici non fanno nulla per renderla migliore ma anche la chiesa c'entra qualcosa, perchè se ci fosse una giustizia seria sarebbe ridimensionata alla grande.Ministri come Mastella ed Alfano erano molto graditi al Vaticano e penso anche la Severino.

In Italia tutti i governi che si susseguirono per 30 anni dopo la guerra avevano un debito di gratitudine nei confronti della CIA che continuò a pagare decine di milioni di dollari per far eleggere e sostenere i democristiani e i suoi alleati.


da GOVERNO OMBRA-Maurizio Molinari (Rizzoli)

CASAROLI,L'INTEGRAZIONE EUROPEA COME ANTIDOTO AL MARXISMO


Il 26 e 27 gennaio è atteso a Washington il Ministro degli esteri della Santa sede,Agostino Casaroli,e Gardner il 13 gennaio scrive a Vance per prepararlo all'incontro con "l'architetto della ostpolitik del Vaticano che vorrà sapere del processo di distensione,dello stato dei negoziati strategici,della posizione Usa sulla seconda fase della Csce (conferenza sulla sicurezza e la cooperazione in Europa) e della bomba ai neutroni che è già stava al centro di una conversazione da lui avuta con un inviato del presidente" ma ciò che piu conta è che il Vaticano si oppone alla formula del compromesso storico e ha temuto una vittoria marxista in Francia mentre è un fermo sostenitore del processo di unità dell'Europa nel quale vede la prospettiva di salvezza dal marxismo dell'Italia e dell'Europa.Per questo il Vaticano ha apprezzato il recente forte sostegno del presidente Carter all'integrazione Europea, è inoltre possibile che Casaroli desideri parlare di cina perchè il Vaticano sta cercando di avere dei contatti con il partito comunista cinese e di medio oriente per via dell'interesse per "uno statuto speciale di Gerusalemme e dei luoghi santi.

Gardner tuttavia tiene a tornare sui temi italiani per far presente a Vance che Casaroli è considerato da molti in Vaticano come un oppositore della linea dura contro il PCI e dunque il fatto che sia a Washington è un'opportunità per esplorare il sottile anticomunismo dell'alto prelato,Gardner si sofferma su quanto sta facendo il Vaticano nell'Europa dell'est:"Ha avuto considerevole successo nell'ottenere maggiori spazi di respiro per la chiesa cattolica in Polonia e Ungheria e potrebbe compiere ulteriori passi, inclusa la creazione di formali relazioni diplomatiche e dietro questi c'è Casaroli.

Nessun commento:

Posta un commento