Anglotedesco

Anglotedesco

domenica 15 luglio 2012

PALLONE CRIMINALE:l'intervista Declan Hill (1 parte)





Fra le tante cose interessanti di questo libro anche l'intervista a Declan Hill autore del libro CALCIO E MAFIA che tra qualche giorno mi dovrebbe arrivare e che pubblicherò i pezzi piu interessanti, sopratutto tra il 1 e il 31 agosto quando questo blog sarà in forma ridotta e lo aggiornerò di meno.


Il giornalista canadese Declan Hill è uno dei piu grandi esperti di "calcio criminale" del pianeta, e ci spiega che non solo in Italia ci sono partite truccate e anzi in altre parti del mondo il business è maggiore come in Asia.Non serve chiudere le agenzie di scommesse perchè il gioco clandestino c'è sempre stato,molto prima che in Italia aprissero le Snai, Better ecc ecc,e le quote le decidono loro.Nel nostro paese il problema è sempre il solito:la mancanza di una giustizia seria.Io sento tutti i giorni i politici dare del giustizialista a chi vuole severità, non si può risolvere il problema con la galera ,tutte stronzate, dicono così perchè se il sistema giudiziario funzionasse veramente, molti di loro finirebbero in carcere.Restando nel mondo del calcio, basta guardare come hanno punito (si fa per dire) chi è stato beccato a truccare le partite...

Sul calcio dedico solo un post alla settimana e dunque voglio darvi altre informazioni.

Lunedi scorso Marino Longoni su ITALIA OGGI ha pubblicato dei dati interessanti sulle perdite del calcio.Mi fa piacere che ci sia un calo di spettatori e mi auguro che non sia solo per la crisi ma anche perchè la gente comincia a svegliarsi ed è stufa di farsi prendere per il sedere dal calcio italiano.

da ITALIA OGGI del 9 luglio 2012-Articolo di Marino Longoni

I dati relativi alla stagione 2010-2011 ,segnavano infatti un valore complessivo della produzione che nel mondo del pallone è pari a 2,5 miliardi di euro,contro costi complessivi di quasi 3 miliardi,una perdita secca di quasi mezzo miliardo l'anno,con società di serie A indebitate per 12,6 miliardi (+ 14% rispetto alla stagione precedente).Con ricavi in calo del 10% e costi invariati.

-Un calciatore 19enne di una grande squadra appena arrivato nella prima squadra guadagna 500.000 euro l'anno.

-gli spettatori sono in calo del 4,4%

QUANTO INCASSANO DALLE TELEVISIONI LE TRE "GRANDI" DEL CALCIO ITALIANO


MILAN: 113.868.000

INTER: 124.421.055

JUVENTUS: 88.711.288


E poi capisci perchè nessuno rinuncia a giocare alle 12:30 quando ci sono 30 gradi o alle 20:45 quando sei a -3 o 4 sotto lo zero.

da PALLONE CRIMINALE- Simone Di Meo, Gianluca Ferraris (Ponte delle grazie)

"Ce l'ho... Ce l'ho... Ce l'ho..." Declan Hill scorre gli atti dell'inchiesta Last Bet con la noia di chi sfoglia un album di figurine quasi terminato, tenuto a lungo nel cassetto e verso il quale molti,almeno a tratti,continuano a ostentare disinteresse.Lui no: alle indagini sul pallone criminale questo giornalista investigativo anglo-canadese di 45 anni ha dedicato buona parte della sua carriera.Il risultato sono un blog ricchissimo,che è diventato uno dei database irrinunciabili per chi si occupa di calcioscommesse,decine di conferenze sul tema della sicurezza e della lealtà sportiva tenute in tutto il mondo,e sopratutto un libro, THE FIX, tradotto in quindici lingue e costatogli quattro anni di ricerche in tre continenti.Un volume che, se letto per tempo,avrebbe dovuto far riflettere chi, oggi, in Italia si indigna e si stupisce per le indagini avviate dalle procure di Cremona,Bari e Napoli.

Nel menù cucinato da Hill,che si avvaleva di una ricca dotazione di prove e testimonianze,c'erano infatti già tutti gli ingredienti che emergono dalle indagini nostrane.Ambienti corruttibili e giocatori facilmente avvicinabili.Accordi presi durante la settimana per aggiustare le partite del weekend che dai campi di provincia viaggiano di bocca in bocca fino ad arrivare alle orecchie dei grandi allibratori di Hong Kong, Singapore, Macao, Kuala Lumpur.Giocatori ritirati o a fine carriera che avvicinano i loro ex compagni di squadra per proporre combine e offrire soldi.Intermediari slavi con inquietanti entrature nei campionati di mezza Europa che irrompono in ritiri teoricamente blindati per distribuire denaro, consigli oppure minacce.E al di sopra di tutto l'ombra della criminalità organizzata,presenza tutt'altro che impalpabile.

Le stessa storia,gli stessi copioni.E spesso, a sentire Hill,anche le stesse facce: "Ce l'ho...Ce l'ho... Ce l'ho... Ce li ho quasi tutti" osserva.Il riferimento è a molti dei presunti esponenti del cosidetto clan degli "zingari" e di quello degli "asiatici".Secondo il giornalista,molti dei personaggi che ricorrono nelle carte giudiziarie "sono gli stessi che ho incontrato durante le mie indagini.Gli stessi che hanno truccato la Bundesliga tedesca,la seria A finlandese,i campionati dell'Europa orientale e quelli della ex Jugoslavia.Ad anni di distanza,molti di loro sembrano agire ancora indisturbati.Ritengo che questa sia la cosa piu grave".

STA DICENDO CHE SCOMMESSOPOLI 2 POTEVA ESSERE PREVISTA E, DUNQUE,FERMATA O ALMENO ARGINATA PER TEMPO?

Certo.Come quasi tutti gli altri scandali che hanno coinvolto campionati europei piu o meno importanti nel corso degli ultimi anni.

PERCHE'?

Perchè, come le dicevo poco fa, le organizzazioni alle quali si deve la regia dei match truccati e il modus operandi che adottano queste organizzazioni sono sempre gli stessi.Tra il 2006 e il 2007,tenni alcune conferenze a Oxford,dove parlavo dei legami tra sport e malavita organizzata.Denunciavo pubblicamente,con qualche rischio,visto che non avevo ancora ultimato le mie ricerche,che i campionati europei stavano per essere travolti dallo tsunami delle partite truccate eterodirette dai criminali asiatici,perchè a questi ultimi truccare i tornei locali non bastava piu.In pochi mi hanno creduto,e ancora meno sembravano avere intenzione di prendere provvedimenti.

LEI COME LE PRESE?

Beh, da un certo punto di vista cinque o sei anni fa un atteggiamento di questo tipo da parte del sistema-calcio poteva avere delle ragioni.Gli scandali emersi fino a quel momento erano stati circoscritti alle divisioni inferiori,ai campionati asiatici o alle partite delle nazionali del terzo mondo.Tutti ritenevano si trattasse di ambienti e squadre piu corruttibili della media.

UNA CONVINZIONE SBAGLIATA?

No.Le mafie asiatiche hanno a disposizione così tanti soldi e così tanti intermediari da essere in grado di poter avvicinare chiunque a condizionare qualsiasi risultato.Durante le mie ricerche ho incontrato allibratori che sono riusciti ad aggiustare partite di Mondiali,Europei e Olimpiadi,della Bundesliga tedesca e del campionato inglese.Guadagnando cifre enormi con le scommesse su partite di cui conoscevano già l'esito.

ANCHE IN ITALIA LA SITUAZIONE E' COSI' COMPROMESSA?

Di certo il livello non è quello di certi campionati asiatici,dove prima delle grandi retate degli ultimi anni l'irregolarità coinvolgeva l'80% delle partite disputate.Ma anche da voi, ormai, il livello di corruzione e di match truccati è enorme.Di partite aggiustate nelle serie inferiori,del resto,parlava già nel 1997 Joe McGinnis.E quando ci sono partite aggiustate,c'è sempre chi in un modo o nell'altro lo viene sapere e prova a guadagnarci sopra attraverso le scommesse.

LA SITUAZIONE,RISPETTO AD ALLORA,E' PEGGIORATA?

Visibilmente peggiorata.Lo dicono le indagini dei magistrati italiani: ormai anche le seria A c'è dentro fino al collo.Del resto non è la prima volta Paese ha fronteggiato diversi scandali di questo tipo,senza però mai riuscire a sviluppare gli anticorpi necessari.


QUALI POTREBBERO ESSERE? IN ITALIA QUALCUNO E' TORNATO A CHIEDERE DI VIETARE LE SCOMMESSE...

Non servirebbe a nulla.Il problema non sono le scommesse in sè:in diverse parti dell'Asia sono state a lungo vietate,ma questo non ha mai impedito alla gente di puntare sulle partite,proprio come accadeva da voi prima che il settore venisse regolarizzato.Il problema sono i mafiosi,i broker e gli intermediari che lavorano,di sponda con i giocatori corrotti, per alterare il risultato di quelle partite,falsando il gioco.

COSA SERVIREBBE ALLORA?

In primis,un cambio di passo culturale.Una commissione parlamentare che indaghi seriamente sul fenomeno e una legislazione piu seria aiuterebbero non solo dal punto di vista materiale,ma anche a livello sociale,perchè farebbero passare il messaggio che il calcio è un bene da tutelare.Voi italiani dovreste difendere con tutte le vostre forze quella che è una delle vostre industrie piu profittevoli.A livello internazionale,invece,occorrerebbero norme piu stringenti contro il riciclaggio e a favore della tracciabilità.Ma devo ammettere che su questo fronte l'Interpol ha compiuto importanti passi in avanti,sopratutto dal punto di vista del know-how investigativo.

QUESTO VA BENE PER QUANTO RIGUARDA LA PREVENZIONE.MA LA REPRESSIONE IN CHE DIREZIONE DOVREBBE ANDARE?

Il sistema va colpito al portafoglio.Sospendendo i campionati interessati dalle combine,squalificando a vita i giocatori dei quali venga provato il coinvolgimento e imponendo loro sanzioni pari agli ultimi cinque anni di ingaggio.Mi rendo conto che come soluzione proposta sia parecchio drastica,ma è l'unica possibile.Se non si pone il sistema di fronte all'ipotesi di una perdita economica secca,non ne usciremo mai, visto che il crollo reputazionale presso i tifosi non pare interessare loro.

ALTRE MISURE?

Servirebbero anche piu azioni concertate a livello internazionale,sopratutto in occasione di appuntamenti importanti come i mondiali di calcio e le rassegne continentali.Ma in questo ambito la disponibilità delle singole federazioni non sono certo il massimo,mentre anche la credibilità della FIFA,dopo l'addio di Chris Eaton ,è in forte calo.

DOMENICA PROSSIMA LA SECONDA PARTE DELL'INTERVISTA A DECLAN HILL ANCHE SE VI ACONSIGLIO DI ACQUISTARE QUESTO LIBRO

Nessun commento:

Posta un commento