Anglotedesco

Anglotedesco

giovedì 29 novembre 2012

ECONOMIA.La liberalizzazione finanziaria ( di Noam Chomsky-1 parte)



L'economia spiegata in maniera semplice e...sacrosanta

da AMERICA NO WE CAN'T -Noam Chomsky (Alegre)

I difensori dello spostamento verso la finanziarizzazione dell'economia affermano che ci sono vantaggi economici compensativi,ma ci muoviamo di nuovo in acque torbide.Comunque, gli effetti sulla democrazia sono immediatamente invisibili.
La liberalizzazione finanziaria crea quello che alcuni economisti internazionali hanno chiamato un "senato virtuale" di investitori e banchieri di soldi,che "indicono referendum in ogni momento" sulla politica del governo.Se il senato virtuale dice che le politiche sono irrazionali,e intendono dire che sono orientate verso il benessere del popolo,non verso il profitto,allora può esercitare il suo "potere di veto" mediante la fuga dei capitali,gli attacchi alla moneta e altri mezzi.Per fare solo un esempio recente,dopo l'insediamento di Hugo Chavez la fuga di capitali ebbe un aumento ad un punto tale che i capitali tenuti all'estero dai ricchi venezuelani erano pari ad un punto del Pil del Venezuela,riporta Santiso,aggiungendo che, dopo il colpo di stato appoggiato dagli Stati Uniti nel 2002, "la risposta dei mercati si avvicinò all'euforia" e la borsa di Caracas registrò enormi guadagni, che poi crollarono quando il governo legale fu restaurato dalla protesta popolare.In generale,con la liberalizzazione dei flussi di capitale i governi hanno di fronte un "doppio elettorato": i votanti e il senato virtuale.Anche nei paesi ricchi l'elettorato privato tende a prevalere.
La liberalizzazione finanziaria perciò funziona da freno efficace per la democrazia.Forse è una semplice coincidenza,forse no, ma vale la pena notare che la liberalizzazione finanziaria fu introdotta a causa della crescente preoccupazione delle èlite per quella che chiamavano la "crisi della democrazia" degli anni Sessanta,quando settori della società normalmente passivi e obbedienti,spesso chiamati "interessi particolari",cominciarono a entrare sulla scena pubblica per portare avanti le loro esigenze.Il risultato fu chiamato "democrazia eccessiva",un peso troppo grande per lo stato, che non poteva occuparsi adeguatamente "dell'interesse nazionale".Gli interessi particolari sono le donne,i lavoratori,gli agricoltori,i giovani gli anziani,le minoranze ,le maggioranze,in effetti la popolazione in generale.

Nessun commento:

Posta un commento