Anglotedesco

Anglotedesco

venerdì 21 dicembre 2012

Il calo di produttività dell'Italia con l'ingresso nell'euro



Ennesimo articolo che conferma i danni che ha fatto la moneta unica al nostro paese.Continuo a sentire Pierluigi Bersani ripetere con insistenza che bisogna ringraziare il suo partito perchè ha voluto fortemente l'Italia nell'unione monetaria europea, lo fa perchè chi lo vota o è totalmente ignorante o è della sinistra benestante, la stessa che ha voluto Giuliano Pisapia sindaco di Milano.
Ho scritto molte volte com'era l'Italia prima della separazione Banca d'Italia e Tesoro e dell'ingresso nell'euro :

http://anglotedesco.myblog.it/archive/2012/10/17/ora-siamo-dei-pigs-nel-1979-80-molto-meno.html

Certi articoli difficilmente vengono pubblicati su  LA REPUBBLICA che tutti i giorni la gente compra ma solo su REPUBBLICA FINANZA del lunedi che il 90% dei lettori getta nel cestino.Bravi, non avete nulla da invidiare a IL Giornale e Libero!

da REPUBBLICA FINANZA del 10 dicembre 2012-articolo di Giovanni Marabelli

"Come sottolinea il rapporto sul mercato del lavoro 2011/2012,redatto dal Cnel la dinamica della produttività è tale da caratterizzare in maniera inequivocabilmente i risultati delle diverse economiche europee.Si riverbera,infatti, sulla competitività e quindi si traduce in un andamento divergente dei conti con l'estero con i paesi dell'area tedesca in surplus e quelli della periferia,Italia compresa,ad accumulare deficit ampi e crescenti.
Un percorso che il nostro paese ha compiuto nel primo decennio dell'euro  e intese come quella raggiunta il 21 novembre rappresentano il primo tentativo di invertire.Incrociando i dati del Bureau of labour statistics e dell'Istat emerge che l'Italia con un incremento medio del 6,5% annuo nel decennio Settanta tra i paesi sviluppati era quello dove la produttività nel settore manufatturiero cresceva al ritmo piu sostenuto.Dopo i leggeri rallentamenti degli anni 80' e 90' con un incremento annuo rispettivamente dei 3,2% e del 2,6%,il tonfo del decennio dell'euro,quando la crescita della produttività italiana è stata mediamente dello 0,4%."

Nessun commento:

Posta un commento