Anglotedesco

Anglotedesco

mercoledì 16 gennaio 2013

Caro Bersani,dica dove finiscono veramente i soldi...




Comici, sono davvero comici e il 98% della gente ci crede perchè non ha nessuna voglia di leggersi un libro di economia,anche quello piu semplice.Nessun programma politico spiega cos'è l'euro e il meccanismo della moneta unica.Gli stati dell'eurozona sono diventati dei cittadini che sono costretti ad andare in banca a chiedere un prestito per comparci la casa, la macchina o perchè non riusciamo a pagare le bollette e le banche te li danno solo se gli garantisci che le restituirai.Cosa bisogna fare per soddisfare coloro che danni i soldi ai paesi dell'Eurozona? Semplice:tassare.E questo Monti l'ha fatto bene, ha accontentato l'Europa, ci ha dato credibilità in campo europeo, peccato che nessuno spieghi che l'Unione Monetaria Europea è un'associazione criminale creata per distruggere la classe operaia.
Bersani nell'articolo che pubblico sotto è semplicemente ridicolo.
I soldi servono solo per rifinanziare le banche.Si può pensare che una parte della liquidità è stata usata per l'acquisto di titoli di Stato dei Paesi in difficoltà, permettendo per un breve periodo di tirare il fiato,abbassando i tassi di interesse per l'aumento della domanda mentre un'altra parte dovrebbe essere stata data al credito che le banche concedono ai privati.ma c'è anche dell'altro.I soldi presi a debito andranno a finire,in grandissima parte,in spese acquisti e investimenti effettuati laddove l'inflazione è piu bassa,perchè si spende ed investe maggiormente presso l'offerente piu competitivo,rendendo ancora piu piacevole le condizioni dei paesi piu forti ,e peggiorando ancora quelli dei Paesi in crisi.
Continuano a prenderci per il sedere che ogni euro sottratto all'evasione fiscale,sarà investito per il lavoro.Cretinate! Grazie alla moneta unica che Bersani tifa in maniera sfegatata, i soldi sporchi sono piu difficili da recuperare, non ci saranno leggi serie contro l'evasione perchè la stragrande maggioranza dei parlamentari sono dei liberi professionisti ,dei veri e propri evasori.

Leggete le cazzate di Bersani.

da www.partitodemocratico.it

"Gli italiani non si aspettano che noi aumentiamo le tasse. Hanno ragione. Se teniamo la spesa sotto controllo è possibile dire che ogni euro recuperato può andare alla riduzione delle tasse". Così Pier Luigi Bersani ospite a Ballarò ha esordito parlando di fisco. "La differenza vera - ha aggiunto - sarà alleggerire il peso sul lavoro che dà lavoro.

Tasse? Il meno possibile quindi - ha risposto Bersani al giornalista Floris - ma i servizi per i cittadini più deboli devono rimanere gli stessi. Aumentare la tasse significa nel nostro Paese di evasori, farle pagare sempre ai soliti".

Sull'Imu il segretario democratico ha chiarito che "è inutile che ci raccontiamo cose che non esistono. Noi potremo fare un riequilibrio sulle entrate Imu, caricando con un'imposta personale sui detentori dei grandi patrimoni immobiliari. Da quale soglia? Discutiamone, ma io dico che sopra di un valore catastale di 1,3 o 1,5 mln di euro si può fare. Ma ci vogliono degli scalini giusti, una gradualità giusta".

Secondo il leader del PD "è necessario lavorare fuori da logiche che ci portano a un tema emergenziale. Possiamo non essere in questa condizione. Sono per una linea - ha spiegato - che passo a passo ci porti a una riduzione del debito graduale".

Parlando delle prossime elezioni politiche e degli equilibri che si stanno delineando, Bersani ha affermato: "Non temo una rimonta del centrodestra, perchè il centrodestra ci ha messo in un mare di guai e gli Italiani lo hanno capito.
La destra infatti non lavora per vincere ma per azzoppare la nostra vittoria.

E alla domanda su cosa il Cavaliere abbia più di lui..., Bersani ha risposto con una battuta: "Solo i capelli...E' evidente. Berlusconi è un contendente, è la destra dell'individualismo che vuole sempre denigrare ogni funzione pubblica, che ovunque dice sempre le stesse cose, che non crede nel collettivo e nell'equità e che non crede che la parola uguaglianza sia una parola valida. Quella è la destra".

In fine in merito alle affermazioni di Monti sulla politica, che, ha detto non lo appassiona, Bersani ha invece ammesso che per lui "la politica è una passionaccia. Può prenderti sempre, in qualunque momento della vita. Monti ha attitudine a una politica di centro - ha concluso scherzando - io vagamente di sinistra, mi sembra...".

A conclusione dell'intervista televisiva, Bersani ha ribadito un concetto fondamentale: "Vogliamo un'Italia giusta per avere una riscossa civica mettendoci equità e legalità. Vogliamo un'Italia per bene che non accetta più favole e guarda in faccia la verità".

Nessun commento:

Posta un commento