Anglotedesco

Anglotedesco

lunedì 7 gennaio 2013

FEDERICO PIZZAROTTI:cercheremo di fermare a tutti i costi l'inceneritore...




No comment...sono in vacanza

http://www.gazzettadiparma.it/primapagina/dettaglio/1/167247/Inceneritore%3A_avvio_a_fine_marzo_E_si_riaccendono_le_polemiche.html


da CITTADINI A 5 STELLE-Matteo Incerti (Aliberti editore)

Dopo il risultato eclatante del primo turno la squadra di serie B si è preparata per la finalissima della democrazia.Quindici giorni per giocarsi il governo della città nei prossimi cinque anni.Quindici giorni dove giornali e televisioni di mezzo mondo sono arrivate a Parma.Incuriosite dalla novità politica di questo movimento nato in rete dall'impulso di un comico.

COME AVETE IMPOSTATO GLI ULTIMI QUINDICI GIORNI DI CAMPAGNA ELETTORALE?

imanendo noi stessi.Io mi sono preso due settimane di ferie dal mio lavoro.Altri nei limiti delle loro possibilità hanno fatto lo stesso per qualche giorno.La linea è stata sempre la solita.Rimanere noi stessi,persone normali,cittadini che avevano idee per la città.Non abbiamo mai alzato i toni contro l'avversario per stare invece sempre "sul pezzo" per quanto riguardava i programmi.

LA RISPOSTA DEI VOSTRI AVVERSARI QUAL'E' STATA?

Qualche colpo basso c'è stato.Se c'è un movimento iper democratico,che come abbiamo detto affonda le sue radici nella resistenza ed è contro ogni totalitarismo,quello è il nostro.Per noi il modo migliore per combattere ogni forma di totalitarismo e di intolleranza è aumentare il grado di democrazia,la partecipazione dei cittadini,la trasparenza,affermare il valore dell'onestà.Un messaggio che parte quindi dalla resistenza,ma è attualizzato sognando una democrazia sempre piu diretta,partecipata ma meno mediata.In questo internet è un grande alleato in quella che vuole essere e deve essere una rivoluzione pacifica.

C'E' STATO UN MOMENTO NEL QUALE AVETE COMPRESO CHE LA PARTITA ERA PIU CHE APERTA?

Si,in tre occasioni.Quando Bernazzoli che si è sempre schierato a favore dell'inceneritore,a tre giorni dal voto ha organizzato un mini convegno dal titolo verso rifiutizero e il giorno dopo ha accettato il dibattito con me,davanti a mille persone organizzato dal comitato corretta gestione dei rifiuti e quando nell'ultimo giorno di campagna elettorale ha  dichiarato che anche lui "avrebbe governato la città ascoltando i cittadini e prendendo le scelte piu importanti tramite referendum", li ci siamo detti: "Qualcosa sta succedendo...".

IL VOSTRO PROGRAMMA PER PARMA RIFLETTE QUELLO DEL MOVIMENTO 5 STELLE A LIVELLO NAZIONALE?

Certo, ci sono i grandi temi adattati alla realtà di Parma, piu altri temi locali come è giusto che sia.Si parla di stop al consumo di suolo,efficienza energetica,rifiuti zero, acqua pubblica,economia sostenibile ,fonti rinnovabili,democrazia diretta e partecipata,trasparenza nuove tecnologie e banda larga.

QUALI SONO LE PRIME TRE EMERGENZE CHE INTENDI AFFRONTARE E CHE POSSONO ESSERE PARADIGMATICHE ANCHE DELLA SITUAZIONE POLITICA ITALIANA?

Al primo punto c'è il debito del mio comune.Una vera e propria voragine lasciata dai precedenti amministratori.Si parla di oltre ottocento milioni di euro.La nostra sfida è fare un bilancio consolidato per capirne la reale entità,spiegare ai cittadini in maniera semplice qual'è la situazione,prendete insieme le decisioni.Nella voragine del debito sono incluse anche le società partecipate dal comune.Qui l'analogia con l'Italia mi sembra evidente...

UN GRANDE TEMA DELLA VOSTRA CAMPAGNA ELETTORALE E' STATO LO STOP ALL'INCENERITORE CHE LA PROVINCIA E IREN STANNO COSTRUENDO ALLE PORTE DELLA CITTA'.

Una scelta sbagliata e antieconomica di questi anni che cercheremo di fermare a tutti i costi.I cittadini hanno parlato chiaro dandoci il voto.Negli anni precedenti la provincia con Vincenzo Bernazzoli,e il comune non hanno mai voluto ascoltare i cittadini.Il referendum è arrivato con il voto dei cittadini.Tenete presente che anche all'interno della coalizione di centrosinistra c'erano alcuni oppositori a questo progetto senza senso che crea danno alla capitale della Food Valley.

COME FERMARE TUTTO?

Per prima cosa fare il punto con Iren Spa sullo stato di avanzamento dei lavori.Tenendo conto che sul cantiere,oltre a una spinosa vicenda finita al Tar,ci sono anche due procedimenti d'infrazione avviati dalla commissione europea che ha contestato l'affido diretto dell'appalto alla multiservizi Iren e contesta il costo,dichiarando che risulta essere 315 milioni di euro e non di 191 milioni di euro.

IL TUO AVVERSARIO VINCENZO BERNAZZOLI HA PARLATO DI PENALI DA PAGARE.

Discuteremo di queste vicende con Iren Spa,della quale anche il comune di Parma è azionista.Apriremo un tavolo di confronto con esperti.Una società multiservizi olandese,la Van Gansewinkel Groep,già piu di un anno fa si era resa disponibile per uscire dal passato rappresentato dall'inceneritore.

IN CHE MODO?

Dividiamo in due la questione.Questa società olandese ha diversi inceneritori ma ha deciso di chiuderli tutti in una decina d'anni puntando,di fatto, su rifiuti zero,riciclo e compostaggio sempre  piu spinto e la riprogettazione degli imballi in collaborazione con le imprese del territorio ha già chiuso alcuni inceneritori a fine ciclo di vita.In attesa di chiuderli tutti,portando i vecchi impianti a fine ciclo,dal momento che hanno sempre meno rifiuti da bruciare hanno deciso di accettare rifiuti da chi non vuole costruire inceneritori o mettere in discarica ma al tempo stesso punta su analoghe politiche chiamate "cradle to cradle" dalla culla alla culla e rifiuti zero,E' un'ipotesi da valutare sul mercato,insieme ad altre.

EURO SI EURO NO?
Io sono stato chiamato a fare il sindaco di Parma.Le decisioni da prendere sull'euro non passano dalla città.Non è voler sfuggire alla domanda ma non rientra nelle mie competenze.

MA AVRAI UN'IDEA...

Prima di schierarmi pro o contro cerco di raccogliere informazioni che non ho approfondito.Sono sincero, non sono un tuttologo e a costo di dire una sciocchezza preferisco star zitto.Quello che posso dire è che decisioni come queste vanno sempre attuate facendo votare i cittadini.Come hanno fatto in diversi paesi scandinavi.Colgo l'occasione per smentire la bufala che è girata sui giornali,riferita alla creazione a Parma di una moneta locale alternativa all'euro per aggirare il pesante debito comunale.Complimenti a chi ha inventato la bufala del secolo.Non stiamo giocando a monopoli.

PERO' NEL PROGRAMMA PER PARMA SI PARLA DI BUON SCAMBIO.

Appunto buoni scambio per i negozi del centro storico.Come fanno già in altre città italiane ed europee.Non sono monete alternative con le quali ripianare i debiti in monete ufficiali.

Nessun commento:

Posta un commento