Anglotedesco

Anglotedesco

domenica 3 febbraio 2013

Ultras Milan e Inter.La santa alleanza nera

 



Questo libro è del marzo 2009, Paolo Berizzi fa nomi e cognomi  e cita questioni giudiziarie.Io non sono Marco Travaglio e queste cose le seguo poco dunque se chi viene nominato da Berizzi ha risolto i suoi problemi con la giustizia, mi può scrivere; questo non è un blog che è stato aperto per stare o di qua o di la ma per la voglia di verità.
Detto questo,parliamo di tifoserie. Sono quarant'anni che si cerca di risolvere il problema della violenza negli stadi, di introdurre leggi thatcheriane, ma nessuno fa niente.Il motivo? Semplice, alle società fa comodo gli ultras ,li usano quando serve in cambio di biglietti o treni speciali gratis e in molte volte gli mettono a disposizione gli avvocati.Come in tutti i settori ,in questo paese la politica entra dappertutto, e siccome l'ipocrisia domina questo Belpaese e l'odio è il sentimento piu diffuso, per stendere il proprio avversario o far star zitta la stampa scomoda (piccolissima parte) i violenti sono una grande risorsa,sia da una parte che dall'altra e se leggete certi libri su le tifoserie, o magari per qualche anno andate nei settori popolari ad assistere le partite, una volta che i capi decidono di andare in "pensione", hanno un posto nella società, non in ufficio ,ma come custodi,magazzinieri, o guardie del corpo.
In questo libro ci sono delle foto dove Adriano Galliani partecipa ad una festa di Natale degli ultrà rossoneri dove si vede di fianco lui uno dei capi storici:Giancarlo Capelli detto "Il Barone".Non aggiungo altro,buona lettura.

da BANDE NERE-Paolo Barizzi (grandi Passaggi Bompiani)



Eppure è "solo" la curva di uno stadio.Ultras Curva Nord e Ultras Curva Sud sono le due sigle che hanno accorpato i gruppi e i gruppuscoli del tifo milanese.Una decisione presa all'unisono dai direttivi delle due curve dopo una serie di inchieste giudiziarie da parte della Digos aveva reso la vita difficile a entrambi gli schieramenti.Queste due curve oggi formano un magma che ribolle e che ha molti punti in comune.Molti intrecci.Sopratutto politici e commerciali.Nelle gerarchie delle curve spiccano nomi non di secondo piano della destra radicale milanese.Luca Cassani,ex Fossa dei leoni e oggi esponente di spicco dei Guerrieri milanisti; l'ex assessore di Opera e responsabile locale dell'Assocciazione culturale Area (legata alla corrente di Alemanno),Alessandro Pozzoli detto "Peso",anche lui già attivo nella Fossa,poi con i Guerrieri,indagato per le "guerre intestine" nella curva milanista e parente di Alberto Pozzoli,ex esponente di spicco  della curva interista e consigliere comunale di Alleanza nazionale a Opera,accusato insieme al collega Ettore Fusco della Lega per l'incendio delle tende destinate ai rom (dicembre 2006).Nelle ultime elezioni comunali i Guerrieri hanno sostenuto due candidati di Alleanza Nazionale;Carlo Fidanza,attuale capogruppo a Palazzo Marino ,e Roberto Jonghi Lavarini,primo dei non eletti e anima del centro sociale Cuore Nero.Un "guerriero" ,Carlo Lasi,finito nei guai per un tentato omicidio (ha sparato al datore di lavoro per futili motivi),è stato persino candidato in An nei consigli di zona 3 e 4.Questa alleanza tra curve e fascisti si è consolidato anche grazie a Giancarlo Capelli ,il "Barone" storico leader delle Brigate rossonere, e Giancarlo Lombardi,detto "Sandokan",in rapporti di strettissima amicizia con gli Irriducibili interisti Alessandro e Franco Todisco.C'erano anche loro,assieme a ex Nar e a rappresentanti politici,al funerale dell'ex terrorista nero Nico Azzi nella basilica di Sant'Ambrogio,quello dei saluti romani e delle bandiere con la croce celtica i quali presenziavano,gli occhi gonfi di commozione,esponenti politici di primo piano.

Nessun commento:

Posta un commento