Anglotedesco

Anglotedesco

lunedì 11 marzo 2013

Al Pd piace lo shopping dei tedeschi e francesi in Italia




Mi rivolgo a chi ha votato Pd solo perchè si ritiene di sinistra e non fascista. Il vostro partito chiunque si azzarda a criticare l'efficienza dell'euro viene definito "nazionalista" ,uno rozzo che non capisce i vantaggi dell'Europa unita, dell'Europa di un sistema educativo ,un mercato del lavoro,un sistema previdenziale all'avanguardia in grado di accontentare tutti. Purtroppo ci siete cascati.
L'euro è un crimine, impoverisce i ceti medio-bassi, tutto quello che hanno conquistato con lacrime e sudore:un livello di vita accettabile,i diritti dei lavoratori,i servizi pubblici.
Vi mettono nelle vostre teste (non offendetevi ma di sale in zucca ne avete ben poco) che chi si azzarda a mettere in discussione il potere finanziario è un populista, un estremista di destra.Facciamo un salto indietro, precisamente al 1929.
La speculazione finanziaria (il piu grosso pericolo per la democrazia altro che Silvio Berlusconi) provocò povertà e disperazione per un decennio, e cosi' si svegliarono i popoli,quelli che a a differenza vostra sanno cosa vuol dire la dignità e non aspettano ore e ore  degli intellettuali ipocriti a parlare.In Francia nel 1934 ,comunisti e nazionalisti scesero in piazza contro gli alleati dei banchieri,gli amici della stragrande maggioranza che formano il vostro partito, negli Usa fecero altrettanto e si creò una una commissione d'inchiesta che al Congresso e al Senato misero in trappola i banchieri e furono incriminati a decine e il capitalismo invece di speculare (come piace tanto a Romano Prodi) furono costretti a creare occupazione.
Nel 1992 è successo quello che succederà anch nei prossimi anni con la benedizione dei vostri politici  (qualcuno finge di essere contrario ,Stefano Fassina in prima fila):186 operazioni di vendita dei nostri gioiellini di stato incassando appena 146 miliardi di euro ,una temporanea riduzione del debito pubblico,che nel 1995 era arrivato al 128% del Pil,che alla fine del decennio scenderà del 103% per poi risalire al 120%. La cosa strana amici del Partito Democratico è che Guido Rossi,avvocato delle sinistra pro-finanza come Bersani, quand'era alla Consob ammise che le migliori società erano quelle statali,le poche che rimasero in piedi dopo la politica criminale voluta da quel Mario Draghi che voi considerate un uomo straordinario che sta cercando di salvare la faccia all'Italia rovinata da Silvio Berlusconi.Ma voi siete disposti a farvi comandare dalla Bce perchè nulla al mondo è piu antidemocratico del Pdl, vero? Infatti è tanto democratica che non può fare il prestatore di ultima istanza,che non può comprare i titoli invenduti alle aste e cioè significa far fare enormi sacrifici anche a voi.Lo statuto della BCE prevede il divieto di finanziare i debiti sovrani e quindi favorisce la speculazione finanziaria e presta soldi solo alle banche.
Ma come mai vi chiederete? Credevo che gli organi europei fossero meglio del Nano di Arcore.
Altre informazioni che di solito fanno godere i vostri politici e anche a voi militanti del Pd che appena sentite qualcosa di straniero, vi eccitate:

da CORRIEREECONOMIA del 25 febbraio 2013- di Alessandra Puato

"In sette anni,fra il 2005 e il 2012 i tedeschi hanno concluso 45 acquisizioni in Italia,quasi un terzo rispetto alle 110 dei francesi.Operazioni perlopiù piccole e disomogenee,dove hanno investito appena sei miliardi,pochi se confrontati con i 43,6 miliardi della Francia.
C'è di tutto dall'Hansenet che Telecom cedette a Deutsche Telekom alla spagnola Vesgo che l'Enel vendette all'E.On,dalla Merloni progetti energia finita per metà sempre all'E.On alla Bcc del nord est dov'è entrata la Dz Bank di Francoforte.Tutto diverso dalla sistemicità dei francesi che si sono presi l'alimentare di Parmalat e Galbani,l'energia dell'Edison il lusso di bulgari.Piu della metà (25) delle 45 operazioni tedesche sono però avvenute negli ultimi due anni e il 2012 è stato l'anno piu prolifico con dieci acquisizioni.

Nessun commento:

Posta un commento