Anglotedesco

Anglotedesco

domenica 3 marzo 2013

INCENERITORE A PARMA:ieri acceso,ad aprile partirà.Tutti i grillini sono invitati...




Su questo argomento ho scritto  questi post e dunque non mi va di ripetere sempre le stesse cose:

http://anglotedesco.myblog.it/archive/2013/02/17/federico-pizzarotti-non-ho-mai-detto-che-non-sarebbe-partito.html

http://anglotedesco.myblog.it/archive/2013/02/06/la-politica-montiana-del-sindaco-grillino-federico-pizzarott.html

http://www.dailymotion.com/video/xxf2zx_anglotedesco-intervistato-dallo-staff-dello-tsunami-tour-di-beppe-grillo_news?search_algo=2

Per aggiungere altro:i dipendenti comunali (tra cui mio padre) di Parma si sono trovati 70 EURO in meno nella propria busta paga.

da LA GAZZETTA DI PARMA del 2 marzo 2013-articolo di Francesco Bandini

Il termovalorizzatorre di Ugozzolo (Parma) è stato acceso.Da ieri,in entrambi i forni presenti all'interno del complesso del Pai (Polo ambientale integrato),c'è una fiamma che brucia.Per il momento si tratta di gas metano,ma fra circa un mese cominceranno a bruciare i rifiuti,o meglio si tratta di gas metano, ma fra circa un mese cominceranno a bruciare i rifiuti,o meglio la frazione secca ad alto potere calorifico risultante dal processo di trattamento meccanico biologico dei rifiuti solidi urbani,che avverrà nell'apposito impianto all'interno del Pai.
Dopo la fase delle cosidette prove a freddo,cioè quelle destinate a tastare il funzionamento delle macchine dell'impianto senza combustione,ieri Iren ha avviato la fase delle prove a caldo,ovvero i test preliminari che prevedono la verifica del funzionamento di tutti i sistemi e i macchinari mentre i forni sono accesi.E' proprio il caso di dire:una vera e propria "prova del fuoco".La fase preliminare partita ieri consentirà di portare a regime le apparecchiature e gli apparati,oltre che testare le strumntazioni,le automazioni,i macchinari e gli impianti ausiliari del termovalorizzatore,e avrà una durata di circa trenta giorni.
Dopodichè,fra la fine di marzo e i primi di aprile,nei forni cominceranno ad essere bruciati i rifiuti selezionati:dapprima in piccoli quantitativi,poi in quantitativi sempre maggiori,fino a che l'impianto non sarà a pieno regime.Sarà in quel momento che verrà attivata la turbina che,grazie al calore prodotto dall'impianto ,produrrà energia elettrica,che sarà ceduta alla rete nazionale.
Per l'entrata in funzione del teleriscaldamento,che sarà anch'esso alimentato dal calore prodotto dal termovalorizzatore,bisognerà attendere ancora qualche mese (verosimilmente verso metà ottobre).Perchè questo sia possibile,partiranno a breve i lavori per la costruzione dell'ultimo miglio della dorsale di collegamento fra il Pai e la rete del teleriscaldamento.
Già ora sono invece in funzione le quattro nuove centaline,acquistate da Iren e messe a disposizione dell'Arpa,grazie alle quali sarà monitorata la qualità dell'aria nei territori circostanti il Pai.Le centraline si trovano a Parma,a Colorno,a San Polo di Torrile e a Sorbolo.Ai rilevamenti delle centraline,ovviamente, si aggiungeranno quelli del sistema di monitoraggio presente nel camino del termovalorizzatore.Tutti i dati saranno disponibili sul sito di Iren ambiente,una volta che il Pai sarà entrato a regime.
Il gas metano che da ieri viene utilizzato per la combustione all'interno dei forni cesserà di essere impiegato nel momento in cui la fiamma inizierà ad essere alimentata con i rifiuti.Successivamente,il gas sarà nuovamente utilizzato solo per riaccendere i forni,dopo che questi periodicamente saranno stati spenti per le normali operazioni di manutenzione.

QUALCHE NUMERO

130.000:tonnellate di rifiuti che ogni anno potranno essere smaltite nel nuovo termovalorizzatore ormai ultimato a Ugozzolo.

2: forni saranno alimentati da altrettante linee e in essi saranno bruciati i rifiuti già selezionati nell'impianto di trattamento meccanico biologico.

190: sono i milioni di euro del costo complessivo della realizzazione del termovalorizzatore.I lavori sono partiti a fine 2009 dopo il rilascio dell'autorizzazione integrata ambientale.

Nessun commento:

Posta un commento