Anglotedesco

Anglotedesco

giovedì 25 aprile 2013

Enrico Letta, l'uomo che piace all'oligarchia finanziaria



Ma guarda un po, Enrico Letta ha ricevuto l'incarico di guidare il governo italiano,un ex Bilderberg, uno che trova sempre spazio in quelle trasmissioni condotte da giornalisti che vi hanno preso parte come Lilly Gruber.
Prima di lui ,Mario Monti diceva di questo club che raduna uomini potentissimi e giornalisti servi:
"Il gruppo Bilderberg? Ma magari qualche politico italiano ci andasse! Ci aiuterebbe ad uscire da un isolamento politico e culturale italiano.Le riunioni? Ci sono stati nel corso del tempo degli incontri al quale ho partecipato.Negli ultimi anni,che io ci fossi o non ci fossi,ci sono stati altri italiani:da Lilly Gruber a Giulio Tremonti,Tommaso Padoa Schioppa,Mario Draghi,Enrico Letta. Il gruppo Bilderberg non è una setta segreta.Certe critiche mi sembrano indicative di un'arretratezza  cultura molto preoccupante".
Cosa ha detto Enrico Letta ieri dopo aver ricevuto l'incarico:
"Mi metto in questo impegno perchè penso che il Paese ha bisogno di risposte,specie quella parte del paese che soffre,che ha bisogno di lavoro che non c'è,le imprese che chiudono,i giovani che vanno via dal paese"

ANGLOTEDESCO

L'ho scritto altre volte e lo faccio ancora,non è casuale che chi partecipa alle riunioni del Bilderberg poi abbia ruoli importanti in un paese, lo scrive Daniel Estullin nel suo libro IL CLUB BILDERBERG (Arianna Editrice):

BILL CLINTON: partecipa al meeting del 1991;vince la primarie del Partito Democratico e diventa Presidente degli Stati Uniti nel 1992

TONY BLAIR: partecipa al meeting del 1993;diventa il leader del Partito Laburista nel luglio del 1994 e venne eletto Primo Ministro nel maggio del 1997

GEORGE ROBERTSON:partecipa al meeting del 1998;viene nominato Segretario Generale della NATO nell'agosto del 1999

ROMANO PRODI:partecipa al meeting del 1999;riceve l'incarico di Presidente della UE nel settembre del 1999.Ricopre tale incarico fino a gennaio 2005;nel 2006 viene eletto Presidente del Consiglio italiano
Quando Letta parla di lavoro, non c'è da crederci, sopratutto per la classe operaia le opportunità di lavoro possono esserci se sei disposto a lavorare da schiavo con stipendi che fatichi ad arrivare alla seconda settimana del mese, in nero, senza tutela, licenziamento facile e se non ti sta bene assumo disperati che vengono da parti del mondo dove ci sono guerre e crisi,che io potente ,faccio scoppiare apposta.
Lo dice anche Daniel Estullin, che ha avuto informazioni da uno che vi partecipò: tra gli obiettivi fondamentali del Bilderberg c'è la "SOCIETA A CRESCITA ZERO".In un'epoca post-industriale,la "crescita zero" sarà necessaria per distruggere ogni traccia di ricchezza generale.Quando c'è ricchezza,c'è progresso.Ricchezza e progresso rendono impossibile imporre la repressione,e c'è bisogno della repressione,se si spera di dividere la società in padroni e schiavi."
Non c'è bisogno di molti commenti e siccome li non ci vai per caso ma perchè hai una certa mentalità, Enrico Letta la pensa allo stesso modo e Mario Monti ha lavorato esattamente così.
Interessante questo articolo pubblicato su COME DON CHISCIOTTE:

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=11771

Nessun commento:

Posta un commento