Anglotedesco

Anglotedesco

domenica 26 maggio 2013

I discorsi ridicoli di Casaleggio sul denaro



Si parla di movimento 5 stelle, voglio complimentarmi con l'onorevole Carlo Sibilia per il discorso contro le banche che ha fatto qualche giorno fa alla camera dei Deputati.Mi auguro che il resto del M5S non lo fermi perchè nel movimento di Casaleggio e Grillo ci sono molti che votavano Pd e Idv e sappiamo cosa ne pensano di certi argomenti.
Commentando il pezzo del libro che ho riportato sotto, mi vien da ridere.Casaleggio sembra quelle donne che dicono :"per me i soldi non sono tutto e poi vai a vedere, frequentano solo imprenditori". Andatevi a leggere la storia di Gianroberto Casaleggio e poi fate le vostre considerazioni e capirete perchè sono buffonate quello che dice in questo libro.

da IL GRILLO CANTA SEMPRE AL TRAMONTO-Casaleggio, Fo,Grillo (Chiarelettere)

GIANROBERTO CASALEGGIO:

"A me sembra che tutti i problemi di cui stiamo parlando,cioè la legge che non viene applicata,gli operai che muoiono,il lavoro come ricatto,la riduzione in schiavitù delle persone,alla fine siano riconducibili tutti alla questione del denaro che ha preso il sopravvento su qualunque aspetto della nostra vita.Al denaro andrebbe attribuito un peso marginale nella società perchè in sostanza è una forma di scambio di beni.Nessuno dovrebbe possedere piu di un certo livello di beni materiali,un massimo di 3 o 4 milioni di euro.Non è un discorso francescano ma politico.L'accumulo di denaro non va d'accordo con la democrazia.Chi concentra molto denaro può influenzare la società,piegare la politica e quindi la gestione della cosa,pubblica ai suoi interessi.Gli esempi li abbiamo davanti agli occhi eppure fatichiamo a capire.Finchè il denaro rimarrà concentrato nelle mani di poche persone e le banche disporranno del potere attuale,la democrazia rimarrà un puro esercizio retorico,una caricatura di se stessa".

"Disponiamo di un tempo limitato per vivere,se lo dedichiamo all'accumulo di denaro e barattiamo la vita per delle ricchezze,siamo dei folli.Il nostro tempo è l'unico valore.Non per contraddirvi,ma se gli inglesi avessero messo al posto dei cani delle aquile,avrebbero vinto loro..."
"In rete le idee sono il vero valore.L'intelligenza,la creatività,la competenza possono fare tranquillamente a meno del denaro.E senza la necessità del denaro,ognuno può far emergere la propria intelligenza e cultura in modo diretto.E viene pagato per questo.Per quello che sa fare, per quello che è, senza intermediari o finanziatori".

"Di recente vi è stato un ricambio delle aziende storicamente piu quotate in Borsa.Questo cambiamento è avvenuto in pochissimo tempo.Non era mai successo prima.La Ford,la Chrysler,la Shell e le grandi banche internazionali sono sempre state ai primi posti nella classifica delle società piu quotate.Ora,al vertice,vi sono quelle società piu quotate.Ora,al vertice,vi sono quelle società tecnologiche che hanno sviluppato il loro business nella rete.Le società che sono emerse,come Google,Twitter e Facebook,sono planetarie,hanno per cliente l'intero pianeta,hanno imposto nuove regole per la ricerca,nuovi linguaggi per la comunicazione.Nelle rete opera la "legge di aggregazione preferenziale",per cui se un nodo di internet crea un valore prima degli altri, questo valore si propaga come un virus e il nodo espande la sua influenza,diventa piu importante.Avviene come per un pianeta che si forma,che assume una certa massa gravitazionale,attira meteoriti e comete e si ingrandisce.Per cui chi sviluppa un'idea,un modello di successo prima degli altri,com'è avvenuto per Google con i motori di ricerca,nel tempo assumerà una posizione perminente e,come un grande albero in una foresta,crescendo,farà morire tutta la vegetazione sottostante.In rete non esiste il numero due.Esiste solo il numero uno.Ed esiste se l'idea è vincente.Il numero uno piglia tutto a livello universale,si prende il mondo,come hanno fatto in questi pochi anni le aziende che hanno scalato le Borse mondiali.E sono diventare piu importanti della Ford, della Shell,che sono sul mercato da decine e decine di anni".

Nessun commento:

Posta un commento