Anglotedesco

Anglotedesco

domenica 5 maggio 2013

Le " parlamentarie" spiegate da Gianroberto Casaleggio e Beppe Grillo



Che queste parlamentarie siano trasparenti, ho molti dubbi, la "parrocchietta grillina" nasconde diversi misteri,Casaleggio è un personaggio particolare da tenere d'occhio.In un pezzo di questo libro dice che lui abolirebbe i segnali e i semafori e deve prevalere la legge del piu forte (bel democratico) e in galera ci manderebbe solo gli individui veramente pericolosi mentre magari quelli che truffano le persona anziane , devono stare fuori...bravo genio!
Ma sai ,c'è gente peggio del M5S (verissimo) ,e allora qualsiasi cosa facciano, va sempre bene ,perchè quello che conta è essere meno peggio degli altri. Visto che parlo dei grillini una volta la settimana in questo blog, pubblico un Tweet dell'ex grillino Giovanni Favia del 4 maggio 2013:
"Giovanni Favia‏@giovannifavia23h
Coincidenza tra lo scarso calore di Grillo e il fatto che la Sarti dentro l'm5s non è una marionetta ed ha una mente libera"

da IL GRILLO CANTA SEMPRE AL TRAMONTO-Dario Fo, Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio (Chiarelettere)

CASALEGGIO: il Pd ha fatto le primarie per eleggere un presunto leader,dico presunto perchè in Italia non c'è il premierato.Questa persona non ha tra l'altro neppure la certezza di fare il premier perchè è il presidente della Repubblica che designa il premier,quindi è un premierato che non esiste.Loro hanno usato un metodo,noi ne usiamo un altro,completamente diverso.Abbiamo operato una selezione di candidati,le parlamentarie.Una votazione solo online per 1400 cittadini che si sono candidati nelle liste di tutte le circoscrizioni italiane.

FO: molti hanno detto che il vostro metodo non era abbastanza trasparente

CASALEGGIO: balle,è vero il contrario.I candidati erano persone nate sul territorio,essendo votazioni circoscrizionali: chi ha votato,grosso modo,conosceva i candidati perchè di frequente erano persone vicine al Movimento,si erano incontrate...Quindi le liste elettorali sono state realmente votate dal basso.Gli altri partiti invece nominano i candidati, come ha dimostrato il Pd con le cosidette primarie,presentando ad esempio la toscana Rosy Bindi nel collegio sicuro della Calabria.Giochetti.Utilizzano il termine democrazia per mistificarne il concetto,nominano chi vogliono e impongono attraverso il "listino" facce già viste,persone che vogliono essere confermate come non fosse successo nulla in questi anni, come se loro non fossero responsabili.

FO: il vostro è il primo esperimento al mondo di elezioni sul web.

CASALEGGIO: si.Qualche settimana fa ho incontrato a Milano Michel Slaby,il responsabile della comunicazione di Obama nelle ultime due elezioni presidenziali americane.Un grande esperto di internet.Ho scambiato con lui una mezz'ora di opinioni e una di queste era sulle nostre votazioni per le liste delle elezioni politiche,le parlamentarie,fatte solo online.Negli Stati Uniti,mi ha detto,non ci sono mai state.Per Slaby,la rete è uno dei luoghi della comunicazione politica insieme ai media tradizionali,e questo è vero nel breve-medio termine,ma in futuro internet assorbirà ogni modalità di comunicazione e la plasmerà.Internet è una supermedia.Le elezioni online diventeranno la normalità.

FO: passiamo all'altra critica che vi rivolgono:i votanti alle parlamentarie sono stati troppo pochi rispetto ai 250.000 iscritti al Movimento.

CASALEGGIO:sono stati pochi per una scelta politica, altrimenti bastava dire che poteva votare chi inviava la sua email e avremmo avuto subito 2 o 3 milioni di persone.Cosa ci voleva? Siamo seri...Abbiamo fatto votare le persone che al 30 settembre 2012 risultavano iscritte al Movimento e che hanno mandato i loro documenti digitalizzati.Dovevamo avere la certezza dell'identità del votante.Potevano candidarsi solo coloro che si erano presentati con il M5S a precedenti elezioni comunali e regionali.C'è stata probabilmente anche un pò di pigrizia o sottovalutazione da parte degli iscritti perchè solo 40.000 su 250.000 hanno inviato i documenti digitalizzati.
Abbiamo creato una macchina molto complessa,replicabile in futuro per le elezioni regionali e per quelle comunali delle città piu importanti,solo con le nostre forze,senza un euro da parte di nessuno,con i media contro.La prossima volta andrà meglio,il numero dei votanti crescerà,supereremo sicuremente i 100.000.Abbiamo già fatto miracoli.La via è questa.

FO: bisogna che si abituino al meccanismo,è la prima volta,lo stesso avrei difficoltà.

GRILLO:ma no, una volta entrato,la procedura è molto semplice.E' un meccanismo immediato,che rivela anche come tutto sia stato molto vero e autentico.C'è da sorridere ogni tanto: vedi quello che non ha mai usato la videocamera che si fa il video e viene come viene,ma va bene così.Perdi mezz'ora per valutare i candidati,poi scegli con un click.
Io trovo che questo modo di rivolgersi agli elettori rappresenti un vero cambiamento.E infatti sono arrivate le televisioni internazionali a intervistarci,la BBC in testa,per curiosità autentica.A chi fa domande per capire viene voglia di rispondere,ma non succede altrettanto con chi ha solo voglia di denigrarti.Comunque,questi meccanismi che consentono una scelta diretta,altrove cominciano a essere utilizzati su base locale per i referendum.

FO: non c'è il pericolo che tutto sia troppo "virtuale" e meccanico,freddo?

CASALEGGIO:al contrario.Ogni candidato aveva un profilo su Facebook,su Twitter,un filmato su Youtube con la propria dichiarazione d'intenti e tutto quello che gli poteva servire per farsi conoscere.I candidati sono stati scelti sulla base di una conoscenza spesso diretta, ma sopratutto di una conoscenza acquisita attraverso la rete,e chiunque può contattarli con una email o sui loro profili Facebook o attraverso Twitter.

FO: quanto è costato organizzare questa macchina?

CASALEGGIO:abbastanza,ma non troppo.L'ho finanziata e sviluppata io insieme ai miei collaboratori,per questo sono riuscito a ridurre al massimo i costi,altrimenti non mi sarebbe stato possibile.Con queste parlamentarie sono successe cose molto particolari e che non erano prevedibili.Il voto è stato libero,non c'è stato nessun raccomandato,le persone che si sono candidate erano cittadini normali,del tutto sconosciuti,io e Grillo ne conoscevamo cinque o sei su 1400,quindi nessun tipo di aiuto mediatico,nessun voto di scambio.

UN VOTO RIVOLUZIONARIO E TRASPARENTE

CASALEGGIO: questo voto ha rovesciato completamente il trend storico italiano,nel senso che sono state votate  piu donne che uomini.Allora si può pensare che se i partiti non fossero verticistici,con i loro apparati,le loro strutture e le scelte dei candidati fatte a tavolino,probabilmente in parlamento ci sarebbe il 60% di donne.E' il Sistema che impedisce alle donne di entrare in parlamento.Si è avuta la dimostrazione che non è vero che le donne non sono votate,è che non le candidano.

GRILLO:nel Movimento le donne sono in minoranza ma le candidate sono state le piu votate.

FO: questo è un dato incredibile.

GRILLO: abbiamo anche creato la mappa dell'Italia con tutte le circoscrizioni:si possono vedere gle eletti,ciascuno con le foto, il curriculum,tutte le informazioni personali e i social media.

FO: ecco tutto l'elenco sul web.Per la circoscrizione America Latina è stato eletto Francesco Tripodi,funzionario, libero professionista.

GRILLO: si può andare a vedere chi è.
Fo:sposato,diploma di liceo classico,laureato in Scienze politiche.

GRILLO:non tutti i piu scemi,eh?

FO:le donne sono tutte insegnanti,imprenditrici,operaie...

GRILLO:vai un pò sull'Emilia.

CASALEGGIO:ma anche sul Piemonte.

FO: ecco l'Emilia.Dal disoccupato all'operaio.Giulia Sarti,studentessa...Tutte ragazze di 25 o 26 anni,e poi quelle con piu di 40 anni per il Senato.

CASALEGGIO:pensiamo a cosa sarebbe l'Italia con il doppio delle donne in parlamento.Ci sarebbe davvero un cambio di passo e di mentalità,una rivoluzione,una maggiore attenzione ai problemi sociali.

FO: un altro aspetto emerso dalle parlamentarie,e piu in generale dall'attività del M5S in questi anni, è che  la politica può essere fatta anche a costi molti contenuti,su base volontaristica,per puro spirito civile.

GRILLO: io mi sono messo a casa col mio pc, sono andato sulla Liguria,ho visto chi erano i candidati nella mia regione.Due li conoscevo,gli altri 22 no.Sono andato a vedere il curriculum,il filmato che hanno fatto e poi ho dato tre voti,tre click,le mie preferenze:a un ragazzo disoccupato,a una madre di famiglia con tre figli che fa l'insegnante e a un ingegnere.

CASALEGGIO: le votazioni erano semplici perchè la progettazione è stata opera di specialisti di "usabilità".Usabilità è la capacita di rendere intuitivo e immediato un processo online,semplificare un meccanismo complesso.Se in rete un'applicazione non è usabile è come se non funzionasse.Lo Stato italiano,ad esempio,non è quasi mai usabile.E quindi tu, online, non puoi usare i ministeri,non può usare i comuni,non puoi usare i servizi pubblici.Non li usi perchè non li capisci e li consideri macchine complesse.E ne stai lontano.Pensi pure che la colpa sia tua! Non sei abbastanza intelligente!

GRILLO:io ho visto in un comune persone anziane,coi biglietti,i foglietti,il numero per fare la coda,che cercano un ufficio,con lo sguardo smarrito.E poi dicono che gli anziani hanno problemi con il computer! Ma in confronto alla confusione e alle difficoltà che si incontrano in una struttura pubblica,il pc è uno scherzo! Il computer lo può usare chiunque.Clicchi,guardi,hai la icone per orientarti...La tecnologia è semplice o non è tecnologia.

FO: in queste settimane sta succedendo di tutto,sembra una grande rincorsa agli ultimi posti disponibili,uno spettacolo vergognoso,ognuno rivendica un posto a seconda delle forze che rappresenta.Con quale coraggio invocano la trasparenza?

CASALEGGIO: sono d'accordo.C'è un altro aspetto emerso dalle parlamentarie:oggi i cittadini italiani,tutti i cittadini,hanno potuto conoscere con tre mesi di anticipo le persone che rappresentano il Movimento 5 Stelle in parlamento,sanno che sono tutte incensurate,possono andare sul mio sito,sul loro blog,attraverso il portale del Movimento e quindi farsi in anticipo un'idea di chi andranno a votare.A proposito di quella trasparenza invocata dai nostri abbersari...Nel giorno della consegna delle firme,domenica 20 gennaio,siamo stati fra i primi a depositarle nei tribunali,mentre il giorno dopo alcuni partiti stavano ancora discutendo dell'operato,giusto?

CASALEGGIO: no, questo è stato atuato qualche volta,ma non ha nessun senso,perchè chiunque può verificare quotidianamente l'operato del portavoce eletto.§Già adesso i ragazzi eletti nei comuni possono essere controllati sulla rete ogni giorni dai loro elettori.E se qualcosa non funziona perchè va contro le linee del Movimento vengono messi sotto osservazione e, nel caso,in croce?

CASALEGGIO:vuol dire che sulla rete arriva immediatamente uno tsunami tale che questa persona deve spiegare,giustificare le sue azioni.In Lombardia un candidato non aveva dichiarato di appartenere alla massoneria:è stato scoperto ed è stato escluso dalle votazioni...Quindi la rete è già un cervello che vede,capisce,comunica,agisce...

FO:fa un'analisi.

CASALEGGIO:prendiamo l'esempio di Bologna,dove una persona aveva omesso di aver svolto due mandati prima di candidarsi con il M5S,mentre la nostra regola prevede che si possa candidare solo chi non abbia già esercitato due mandati.La verità è emersa da denunce fatte in rete e alla persona è stato revocato il simbolo.Chi dichiara il falso è oggetto dello sdegno dei votanti.Questo è molto importante,sopratutto a livello locale,perchè la comunità,in un certo senso,si autoregola,crea degli anticorpi.

FO: quindi niente dimissioni?

CASALEGGIO:NO, le dimissioni non esistono,perchè in Italia non abbiamo il vincolo di mandato.Il Movimento,il partito,non può far dimettere nessuno.Se vuoi ti dimetti,se non vuoi non ti dimetti.Chi vuole può continuare a fare il consigliere regionale,il consigliere comunale.L'unica cosa che ha fatto Beppe è negare l'utilizzo del simbolo a chi andava contro le regole,le poche regole dello Statuto (chiamato Non Statuto).Beppe è stato dipinto come un dittatore,ma il Pd ha espulso decine di suoi rappresentanti nel piu assoluto silenzio dei media.

Nessun commento:

Posta un commento