Anglotedesco

Anglotedesco

lunedì 20 maggio 2013

Solo cinque paesi rispetteranno i parametri del Fiscal Compact



Ricapitoliamo per l'ennesima volta cos'è questo meraviglioso Fiscal Compact voluto dalla criminalità finanziaria europea e firmato da tutti:

-I paesi dell'eurozona in cui il rapporto debito/pil superi il 60% devono rientrare in vent'anni nei parametri previsti

-L'Italia nei prossimi vent'annni dovrà fare una manovra di tagli da 50 miliardi di euro sommando anche il pagamento degli interessi sul debito che sono piu o meno 80 miliardi.

Fate due conti...il pezzo che ho pubblicato sotto spiega tutto.Si sentono un sacco di cavolate: si riusciranno a trovare i soldi per le piccole-medie imprese e che,come scrivevano ieri sui giornali, si creeranno molte migliaia di nuovi posti di lavoro.Prima di tutto voglio vedere come saranno gli stipendi.  Si vuole imitare i modelli dei paesi come Cina,Brasile,India dove gli operai sono trattati come dei cani.
Però nonostante tutto un po do ragione a chi dice che lo stato italiano butta molti soldi.Per i giochi d'azzardo si trovano sempre, mentre nei comuni (io conosco quello di Parma) si butta via del denaro pubblico per manifestazioni sportive inutili e sopratutto campionati idioti come quelli amatoriali di calcio.Siamo un paese di ridolini,ricordiamocelo sempre.

da MILANO FINANZA (11 maggio 2013)

Le ultime previsioni della commissione Ue sono illuminanti.Secondo quei dati, 10 paesi su 17,nel 2013 e nel 2014,non rispetteranno i parametri di Maastricht,con un deficit di bilancio superiore al 3%.Paesi grandi,come la Francia e la Spagna;intermedi ,come il Belgio,la Slovacchia,il Portogallo,la Slovenia,la Grecia o l'Olanda,piccoli come Cipro,l'Irlanda o Malta.In questo schema l'Italia è bordeline:con un deficit del 2,9 nel 2013 e del 2,5 nel 2014.Ancora piu problematico è il rispetto del Fiscal Compact,che dovrebbe entrare in vigore nel 2014;solo cinque paesi sono in grado di rispettare i parametri: Grecia ( a scapito di un'economia devastata) Germania,Lussemburgo,Estonia e Finlandia.L'Italia si colloca,anche in questo caso,immediatamente a ridosso,seppure in zona negativa.

Nessun commento:

Posta un commento