Anglotedesco

Anglotedesco

mercoledì 3 luglio 2013

Cari Grillo e Casaleggio,la disorganizzazione organizzata c'è già in Italia...



Prima di commentare le cavolate dette dalla coppia Casaleggio-Grillo nel loro libro,dico la mia sulle espulsioni.I motivi delle dimissioni della Gambaro e compagnia, sono ridicole, perfino un ragazzino di 8 anni sarebbe piu intelligente e credibile.Beppe Grillo ripete le stesso cose da piu o meno trent'anni, i post che scrive oggi li scriveva anche quando ha aperto il blog in piu si vedono nei video dello Tsunami Tour che c'è la Gambaro che ride per quello che urla Grillo dal palco dunque inutile che si lascia andare a certe buffonate sui toni del comico genovese.In diversi speravano che per via dei soldi,venissero cambiate le regole e che se li potevano tenere.
L'Italia è già un paese con una disorganizzazione organizzata,ognuno fa quel cavolo che vuole, si premia con il lavoro chi commette reati, chi entra illegalmente, l'efficenza della giustizia è piu o meno al 150 posto nel mondo, si fa di tutto per rendere il tempo dei processi piu lunghi possibili,si scende in piazza per difendere i propri disonesti (tutti,politici, destra,sinistra,poliziotti) e chi vuole il rispetto delle regole oltre ad essere considerato un fascista o deve incazzarsi tutto il giorno o accettare in silenzio.
D'ora in avanti nei distributori automatici oltre alle bevande o ai preservativi mettiamoci anche coltelli e pistole cosa sapremo chi ha ragione agli incroci, nei parcheggi, nelle piste ciclabili.
Chi fa ragionamenti come quelli di Casaleggio e Grillo ,è uno che non rispetta le regole e vuole trovare la soluzione per nascondere il loro vergognoso modo di comportarsi.

da IL GRILLO CANTA SEMPRE AL TRAMONTO-Casaleggio,Grillo,Fo (Chiarelettere)

GRILLO:per andare sul concretyo,mi viene in mente l'esempio del traffico nelle grandi città,che può essere gestito in modi differenti.Noi siamo abituati ai vigili,ai semafori,mentre ci può essere un altro modo di muoversi insieme:non avere regole.Vale a dire che ogni soggetto mobile si conquista lo spazio senza nessuna regola che limiti il suo spostamento.Si può e funziona.Pensiamo a cosa succederebbe se un gruppo di persone si riunisse intorno a un tavolo in mezzo a una piazza.Se arriva una macchina,questa rallenta perchè vede un ostacolo.Se sopraggiunge una bicicletta o un camion,anche questi si fermano.In altre parole,ognuno si conquisterebbe il proprio spazio nel massimo caos.A Nuova Delhi funziona così,anche a Napoli per molti aspetti.Sono le nuove non-regole che stanno studiando in Olanda i grandi urbanisti.La disorganizzazione diventa organizzazione.C'è un salto logico,concettuale,che ci obbliga a rifare i conti con abitudini,scelte di vita,relazioni.
FO:una disorganizzazione organizzata.

CASALEGGIO: in un vecchio articolo ho letto la storia di un inglese che viveva come corrispondente in India e spiegava il traffico di Bombay.Era il traffico del piu forte:il lisciò doveva lasciar passare il motorino,il motorino doveva dare la precedenza alla macchina,la macchina al camion.Infine c'era l'elefante ,che era il piu forte di tutti,e a cui tutti dovevano lasciare libera la strada.

FO:e cosa accadeva?

CASALEGGIO:funzionava! Nè meglio nè peggio,ma funzionava.Senza regole vige comunque una regola,anche se è diversa da quella che noi conosciamo.

Nessun commento:

Posta un commento