Anglotedesco

Anglotedesco

lunedì 1 luglio 2013

Il ministro Keyenge:"Non sono solo ministro dell'Integrazione dei migranti ma anche degli italiani"


Ho già pochissima voglia di prendere lezioni da ministri pregiudicati o gente disonesta ,figuriamoci da una che è entrata illegalmente in un paese.Poverta? Benissimo,gli faccio conoscere mio zio 73enne nato nel 1940 e fargli vedere le foto di com'era l'Italia durante la guerra ,nessuno dei miei nonni e mie zii si è mai permesso di andare in altri paesi clandestinamente e pretendere di cambiare le loro regole per accontentarli.
Questa signora incita gli stranieri a venire in Italia perchè vieni premiato quando commetti un reato, dove nessuno vuole rispettare le leggi,una costituzione vergognosa dove c'è sempre la scusa pronta.
 Trova sempre una giustificazione a tutti quegli stranieri che commetteno reati, è come se io difendessi un italiano senza lavoro che va in Finlandia  ad ammazzare 4 o 5 persone a caso perchè è disoccupato e la situazione nel suo Paese è critica.non ci penso minimamente.Che vada in paese non fascisti come la Svizzera o Australia a fare questi ragionamenti e poi vedi se resti in quel paese.Anglotedesco vuole vivere in un Paese democratico ,ma dove si rispettano le leggi ,chi sbagli paghi con la galera senza indulti e che non si faccia mettere i piedi in testa da altri.
Cara ministro Keyenge, lo sa cos'è una cosa sacrosanta da fare? Bloccare l'immigrazione clandestina e le richieste d'asilo,non solo per l'Italia ma anche per i paesi cosidetti P.I.I.G.S. Chi vuole le frontiere aperte non si rende conto che stanno prendendo in giro milioni di disperati,che gli promettono un'America che non c'è.Fanno giorni e giorni di mare per non trovare nulla. Li si avvisa che in Italia non si può entrare e così puntano su paesi meno in difficoltà,è la soluzione migliore per tutti.

Il Ministro Cecille Keyenge ha dichiarato sabato 29 giugno a Collecchio (provincia di Parma) alla festa multiculturale dove ha consegnato attestati simbolici di cittadinanza a duecento bambini stranieri (da Gazzetta di Parma ,articolo di Francesco Bandini):

"Il modello temperato che cerchiamo,e che è già contemplato in diverse proposte di legge già in Parlamento potrebbe essere quello per cui ottengono automaticamente la cittadinanza i bambini che nascono da genitori stranieri che hanno la residenza in Italia da un certo numero di anni.Il numero di anni sarà stabiliti dal confronto tra le forze politiche"

"I diritti sono diritti e vanno rispettati.Il mio lavoro consiste anche nell'individuazione di tutto ciò che può essere di ostacolo alle persone per  per l'esercizio dei loro diritti,puntando alla semplificazione" Il Ministro ha annunciato che,d'intesa con il ministro dell'Interno,si sta lavorando per portare a 8.000 i posti disponibili in Italia per l'accoglienza delle persone richiedenti asilo.

"Spero che un giorno non ci sia piu bisogno della scorta,sarebbe un grande cambiamento di civiltà.L'Italia non è un paese razzista:ovunque si stanno mettendo in atto buone pratiche e questo dimostra che esiste  un'Italia migliore che deve far sentire la propria voce.Dobbiamo capire che l'Italia è cambiata,è fatta da persone che vengono da tanti Paesi diversi con idee diverse,e che questo rappresenta un arricchimento per tutti.Per questo dobbiamo educare i nostri figli alla diversità.Non sono solo ministro  dell'Integrazione dei migranti,ma anche degli italiani.Anzi, vorrei che l'integrazione perdesse la G e diventasse interazione:quella che ci deve essere fra tutti i cittadini,che devono rimanere al centro dell'attenzione.Perchè non si dovrebbe guardare all'origine della persona,ma soltanto al bene della persona".

Nessun commento:

Posta un commento