Anglotedesco

Anglotedesco

lunedì 26 agosto 2013

WIKILEAKS.Tra barche e banche



No comment...sono in vacanza

da DOSSIER WIKILEAKS-Stefania Maurizi (Bur)

Altra saga infinita delle relazioni pericolose tra l'Italia e l'Iran sono le banche che permettono al regime di armarsi,come la filliale romana della banca Sepah.Da lì sono passate tante transazioni sospette ricondotte ad aziende iraniane,che hanno messo in piedi pezzo per pezzo il programma missilistico clandestino dei Pasdaran.Ma quando nel dicembre 2006 il sottosegretario al Tesoro americano,Stuart Levey,capo dell'intellegence finanziaria,arriva a Roma e ne chiede la chiusura,si sente rispondere dal direttore generale del ministero delle Finanze,Vittorio Grillo,che le irregolarità della Sepah non sono poi così serie.Se le regole fossero applicate così rigorosamente,argomenta Grilli,l'Italia sarebbe senza banche.Levey non la prende bene e spiega agli italiani che la filiale di Roma della Sepah esiste sostanzialmente per un unico cliente:l'Aereospace Industries Organization,azienda colpita dalle sanzioni Onu perchè determinante per il programma missilistico di Teheran.
Nonostante le enormi pressioni,gli americani non riescono a ottenere la chiusura della banca,che viene solo commissariata.In un file "secret/noforn" del giugno 2007,Spogli spiega a Washington che i funzionari della Banca d'Italia ci avevano informato del loro desiderio di vederla chiusa,ma sebbene la Banca d'Italia abbia una lunga storia di indipendenza dal governo italiano e un professionista di grande esperienza come il governatore Draghi abbia detto che la filiale deve chiudere,il governo può fare pressione sulla Banca d'Italia per farle mantenere il commissariamento all'infinito,pur di proteggere gli affari con l'Iran.E' esattamente quello che è successo.

Nessun commento:

Posta un commento