Anglotedesco

Anglotedesco

venerdì 6 dicembre 2013

Tv e giornali ti fanno scrivere queste cretinate su Europa ed euro...




da IL GIORNALE del 05/12/2013

L'EURO E L'EUROPA NON SONO RESPONSABILI

Ma che cosa è questa moda di demonizzare l'euro e l'Europa?Cosa c'entrano la riforma istituzionale,la riduzione dei parlamentari,la giustizia,le carceri ecc. con il rapporto con l'Europa? Sono io duro di comprendonio o tutto questo è solo fumo e nebbia? I pugni sul tavolo potremo battere solo dopo aver risolto i nostri problemi interni..Per fortuna la Merkel ci tiene in riga,altrimenti dove andremmo a finire?

LEONARDO COLOSIO (Bergamo)

Questi sono il frutto di un grande lavoro di squadra da parte dei giornali e tv nel rincoglionire il popolo italiano.Se tutti i benedetti giorni si ignora totalmente il problema dell'euro e della moneta troppo forte che danneggia l'economia italiana, è normale che sui quotidiani trovi lettere assurde come queste.La politica italiana fa schifo e la Giustizia pure (anche grazie al contributo del padrone di questo giornale)ma addirittura ringraziare la Merkel...
Caro Leonardo Colosio, legga attentamente questo:

da TRADITORI AL GOVERNO? -Marco della Luna (Arianna Editrice)

Prima dell’Euro,la Germania aveva un disavanzo di 126 miliardi di Dollari e l’Italia un avanzo di 56,6.Con l’Euro,cioè col blocco dei cambi,la situazione si è rovesciata e la Germania ha accumulato un grande  credito sopratutto verso i partners dell’Euro,per i prestiti loro concessi e le loro importazioni.Analogo andamento hanno avuto la produttività e l’industrializzazione.Ed ecco l’Europa reale, opposta a quella dell’ideale:quanto piu sei indebitato e a bassa produttività,tanto piu t’indebiti verso i partners piu efficienti ,tanto piu paghi caro il denaro,quindi continui a deteriorarti.Quando la mole dell’indebitamento sarà divenuta ingestibile,scoppierà la crisi del credito e,forse, i paesi eurodeboli saranno forzati a cedere tutte le loro risorse ai creditori.Le economie forti,nel mondo reale, cannibalizzano quelle deboli che non riescono a tenere le distanze.Non vi è solidarietà.Quando avrà cannibalizzato fino in fondo le economie eurodeboli,quella tedesca collasserà se non troverà nuovo…Lebensraum.
Oltre a uscire dall’Euro,sarebbe anche ottimale,credo,secondo il modello cecoslovacco,separare Sud e Nord,in modo che il primo possa svalutare onde recuperare competitività,attrarre investimnti e turismo,arrestare l’emigrazione;e il secondo,liberato dall’onere dei trasferimenti assistenziali,possa innovarsi e infrastrutturarsi,nonchè abbattere tasse e cuneo fiscale.Inoltre,la maggiore omogeneità interna di ciascuna di queste due aree,in fatto di mentalità e costumi,ricostituirebbe,almeno al Nord,la ora bassissima fiducia sociale,sopratutto tra cittadini e Stato.
L’inghippo è però che l’Italia è sottoposta a politiche di deindustrializzazione e di svuotamento non dall’inizio diquesta crisi,ma dagli anni Settanta,con i primi blocchi dei cambi e con altri strumenti.Da allora, costantemente,i suoi governi hanno lavorato al suo smantellamento.E’ ovvio che vi è una decisione in tal senso presa e imposta da interessi dotati di un potere enorme.Quindi è difficile pensare che ci sia spazio per cambiare rotta,che oggi ti lascino invertire il processo,quand’anche tu abbia idee valide e una maggioranza politica che ti sostiene.Riflettete sul fatto che solo una forza parlamentare,la Lega Nord,si è opposta a Monti sin dal principio,e che questa forza si presenta alle elezioni ancora una volta in coalizione con il PDL,che ha votato le manovre piu distruttive del governo Monti,Con Berlusconi come capo coalizione,il quale fino a pochi giorni prima invitava Monti a mettersi come guida del centrodestra! Riflettete,e chiedetevi se vi sia o no spazio per una resistenza e per un cambio di rotta.

Io credo che l’Italia,pur con la sua profonda inefficienza come sistema-paese,possa recuperare un buon livello di benessere,adottando alcune misure strutturali:

-ritiro dal Mercato Comune Europeo e dall’euro;
 -
 ripristino di una banca centrale di proprietà e di gestione pubbliche,che assicuri l’acquisto del debito pubblico e impedisca il default;

-ripristino dei vincoli di portafoglio per le banche di credito (obbligo di detenere contingenti di titoli pubblici proporzionali al patrimonio);

-introduzione di vincoli di impiego,ossia di quote del credito destinate alle piccolissime imprese;

-istituzione di una banca pubblica che assicuri i finanziamenti all’economia produttiva;

-separazione di banche di risparmio e prestito da quelle di azzardo finanziario
 Guardiamo in faccia la verità:prima del 1983,in fondo,l’Italia andava bene, pur con tutti i suoi gravi difetti,perchè la sua inefficienza come sistema-paese era compensata dal fatto che lo Stato,grazie al controllo sulla banca centrale e ai vincoli di portafoglio,esercitava la sovranità monetaria,ossia poteva,a bassi tassi d’interesse,creare continuamente quantità di denaro adeguate a eseguire grandi investimenti e a sostenere il reddito,e in tal modo assicurava il continuo sviluppo economico,la continua ascesa del tenore di vita,l’attitudine ottimista e progettualre della popolazione e degli investitori.Resistenze esterne a parte,non credo sarebbe oggettivamente difficile rispristinare quel sistema ora, anche perchè,nel frattempo,abbiamo acquisito conoscenze e capacità maggiori sul funzionamento dell’economia e della finanza.

Nessun commento:

Posta un commento