Anglotedesco

Anglotedesco

venerdì 24 gennaio 2014

L'avvocatessa con le mani lunghe...ma siamo in Italia, se la caverà con poco...



Mettiamo da parte la moneta unica e parliamo di Giustizia perchè un domani dovessimo trovare l'equilibrio economico, bisogna rendersi conto in che paese viviamo e sapere a cosa andiamo incontro se qualcuno cerca di fregarci.
Adesso con la scusa della crisi sono diventate tutte "madonne immacolate".In mezzo al cosidetto "Movimento dei Forconi (io lo chiamerei "Movimento dei  Tromboni") o "9 dicembre" ,c'è anche la categoria degli avvocati e domani in Piazza Oberdan a Milano faranno una manifestazione.L'Italia è il paese che ne ha piu di tutti ,sono tra i meno bravi e ovviamente hanno lo stipendio piu alto. Questa "signora" accusata di peculato rischierebbe dai 4 ai 10 anni ma essendo incensurata e vivendo in un paese che incita a commettere reati e giustificarsi (la toga rossa la trovi sempre) dando magari colpa alla crisi, molto probabilmente non farà neanche un anno di galera e , visto che in questo paese di disonesti ,ipocriti e omertosi, bisogna sempre concedere una seconda chance (alla faccia di chi di reati non ne commette e Anglotedesco è uno di questi), la metteranno in cima alla lista per trovargli un lavoro.

da IL RESTO DEL CARLINO del 24 gennaio 2014- articolo di Grazia Buscaglia

Non si è fatta scrupoli a rubare i soldi dei piu deboli.Così è finita in manette un'avvocatessa riminese Lidia Gabellini,38 anni, accusata di peculato.La donna,che era stata nominata dal tribunale di Rimini proprio a tutela delle fasce piu deboli come amministratrice di sostegno,avrebbe svuotato i conti correnti di almeno due dei suoi assistiti.Gente bisognosa come il clochard Andrea Severi,al quale nel novembre del 2008 quattro ragazzi avevano dato fuoco per divertimento mentre dormiva su una panchina a Rimini e come un  giovane di 21 anni di Perticara, Francesco Sbrocco,invalido civile al 100%,dopo essere precipitato dal tetto di casa.Ma la loro amministratrice di sostegno avrebbe non solo tradito la loro fiducia.Secondo gli inquirenti ,infatti, la donna,sposata con un medico anestetista dell'ospedale Infermi, madre di un bimbo di tenera età,avrebbe ,infatti, sottratto 180.000 euro al barbone e 30.000 al ragazzo invalido,soldi che la donna ha poi utilizzato per saldare debiti e cause civili,ma sopratutto per acquistare un'auto di lusso,una Tuareg Volkwagen oltre a borse ed abbigliamento firmato.Dei 190.000 euro che Andrea Severi aveva ottenuto come risarcimento danni dai suoi quattro aguzzini, a fine novembre 2013 sul conto corrente erano rimasti pochi spiccioli,poco piu di 280 euro.
Ma,beffa nella beffa, il barbone che era risarcito, con molta fatica,a ricostruirsi una parvenza di esistenza "normale" vivendo in un alloggio delle case popolari dell'Acer,rischia adesso di tornare sulla strada.La sua amministratrice di sostegno,dopo avergli soffiato il denaro,gli ha lasciato in eredità un debito di 10.000 di affitti non pagati.Ieri mattina, nel corso della perquisizione compiuta nello studio e nell'abitazione dell'avvocatessa,i carabinieri hanno trovato tracce della falsificazione dei rendimenti bancari che la donna mostrava ai suoi assistiti per non destare sospetti.Ma ieri la drammatica verità è venuta a galla.

Nessun commento:

Posta un commento