Anglotedesco

Anglotedesco

venerdì 14 marzo 2014

I soldi buttati via dall'Italia per la spesa ferroviaria (dal 1992 al 2012)



E' vero, per le ferrovie abbiamo buttato via un sacco di soldi  e la coppia Arrigo-Di Foggia sono stati precisissimi.Viaggio molto spesso in treno e in città importanti del Nord Italia e mi sento di dire che i servizi delle FS non sono il massimo e ci sarebbe bisogno di piu competenza e una migliore selezione del personale,ma d'altronde siamo in Italia, la "Repubblica della spintarella".
Sono per la spesa pubblica,sono un kenesiano, però bisogna ammettere che di soldi  pubblici ne sprechiamo parecchi.

da REPUBBLICA ECONOMIA E FINANZA-Alessandro De Nicola

Gli economisti dell'università Bicocca di Milano,Ugo Arrigo e il suo ricercatore Giacomo Di Foggia hanno effettuato un'analisi comparata sulla spesa ferroviaria degli ultimi vent'anni,paragonandola con quella di Regno Unito,Francia,Germania e Svezia, e i risultati sono a dir poco strabilianti.
Da quando FS è una società per azioni (1992-2012) la spesa pubblica ferroviaria in Italia è stata di 207,7 miliardi di euro senza contare la rivalutazione monetaria,di cui 85 di spesa corrente.
Il Regno Unito,che ha una rete della stessa lunghezza e uguali volumi di traffico,ha speso nello stesso periodo 69,3 miliardi:1/3 rispetto all'Italia.La Germania ,i cui dati completi sono disponibili solo dal 2002 al 2010,nel periodo mostra uscite per 88 miliardi contro gli 85 miliardi;peccato però che il settore ferroviario tedesco sia due volte e mezza quello nostrano.Il valore medio del sussidio svedese,francese e svedese nei vent'anni considerati (calcolato tenendo conto degli standart di quei paesi) è stato pari al 32% di quello italiano con un picco del 40% per la super dirigista Francia.E non è che i risultati siano proporzionali alla spesa.
In Italia sono stati costruiti 700 km di alta velocità,1200 in Germania,1300 in Francia e 1600 in Spagna,paese tradizionalmente con bassi sussidi.I passeggeri FS sono diminuiti del 16% mentre in Germania sono cresciuti del 39% del 45% in Francia,dell'83% in Regno Unito e in Svezia del 93%.Se si attualizzano i versamenti italiani degli ultimi 22 anni (207,7 piu circa 7 per il 2013) con gli interessi pagati per il debito (173 miliardi),la componente ferroviaria del nostro debito pubblico è pari a 388 miliardi di euro,il 20% dello stesso,quasi il 25% del pil.
Se avessimo speso quanto la media degli altri paesi in cui abbiamo i dati completi,avremmo oggi un debito pubblico inferiore di 259 miliardi!!! Il 16% del pil,e in piu risparmieremmo ogni anno 11-12 miliardi di interessi.

2 commenti:

  1. Qua in Sardegna abbiamo un unica ferrovia costruita in epoca romana.

    P.s. complimenti per il blog

    RispondiElimina
  2. La storia della ferrovia in Sardegna l'avevo sentita su un video del Fatto Quotidiano.Visto il numero di turisti che la visitano,meriterebbe molto di meglio.Ciao

    RispondiElimina