Anglotedesco

Anglotedesco

Secondo voi chi fa piu danni all'Italia Draghi o Berlusconi?

lunedì 29 dicembre 2014

Gianfelice Rocca (Pres Assolombarda):"Abbiamo perso molti punti con l'ingresso nell'euro"



Mi sono espresso centinaia di volte contro la moneta unica,è sbagliata ,come è sbagliato il suo sistema di emissione però guardiamo anche i dati.Fino al 2007 (con l'euro) l'Italia aveva il 6,2% di disoccupazione poi con la crisi è aumentata e il potere d'acquisto è crollato.

da LA REPUBBLICA del 29 novembre 2015-intervista a Gianfelice Rocca di Federico Fubini

"In Italia c'è un problema  di competitività,ma non tanto nel manifatturiero.Abbiamo il quarto surplus di bilancia commerciale al  mondo,difficile sostenere che in un Paese così l'industria non sia competitiva.Abbiamo perso molti punti con l'ingresso nel sistema dell'euro,che è tutt'altro che ottimale.Per decenni il nostro Paese ha avuto bisogno di svalutazioni per crescere. Nell'euro questo naturalmente è impossibile e,in caso di una crisi in certi Paesi dell'area,non disponiamo degli strumenti degli Usa:le migrazioni interne sono venti volte superiori e l'intervento pubblico pesa fino al 30% dei bilanci degli stati,mentre il bilancio europeo è l'1% del pil".

"Le colpe della recessione non sono da cercare tutte fuori dal Paese.E' come se l'euro e la crisi finanziaria avessero messo le nostre debolezze,il debito, l'inefficienza dei servizi e della macchina legale e amministrativa,sotto una lente d'ingrandimento.Ciò ha provocato un'enorme crisi di fiducia.Oggi in Italia mancano consumi per 25 miliardi a trimestre e investimenti per 30 miliardi a trimestre.E non sono rimpiazzabili da alcunchè se proprio non dal ritrovare fiducia:non si può lavorare sull'export noi esportiamo in Germania per circa 50 miliardi l'anno,quindi anche una crescita del 10% della domanda tedesca porterebbe appena altri 5 miliardi.Purtroppo questa spirale di sfiducia si autoalimenta ,con una politica di bilancio europeo che porta a temere il futuro,e la richiesta dei Paesi in difficoltà di aumentare le tasse".

"Dall'avvio dell'euro,la perdita dell'Italia sulla Germania su questo parametro equivale a una svalutazione a favore della Germania del 20-30%.Per questo servono riforme abilitanti,che liberino le energie.Servono riforme a partire dalla struttura amministrativo-legale del Paese.Dobbiamo semplificare ,oggi è tutto troppo complesso,il codice fiscale e quello del lavoro sono di tremila pagine.Eppure l'incertezza del fisco e del diritto sono vastissime,come si è visto con l'Ilva".

"La risposta a un mondo così complesso è facilitare la flessibilità e il trasferimento del lavoratore da azienda non sono piu in grado di avere un mercato sicuro e continuativo.Fra Jobs Act,assicurazione sull'impiego,semplificazione,concorrenza nei servizi e digitalizzazione,possiamo trarre una spinta competitiva molto forte".

Nessun commento:

Posta un commento