Anglotedesco

Anglotedesco

Secondo voi chi fa piu danni all'Italia Draghi o Berlusconi?

mercoledì 18 febbraio 2015

ALEXIS TSIPRAS:"Se avessimo una nostra moneta..."



Io sono sempre stato anti euro però leggi e leggi,guarda gli altri paesi nel mondo che hanno la propria moneta, e vedi che i ceti medio-bassi sono in difficoltà.Diamo tempo a Tsipras ,ma a me sembra un gran furbone che ha approfittato della disperazione e dell'ignoranza (andate in un bar e chiedete alla gente cos'è il modello neoliberista e poi vedete in quanti lo sanno) della gente per prendere voti.
Sapete qual'è il paese con piu disuguaglianze al mondo? Gli Usa.Ma a questo gli eroi anti euro non interessa,l'importante è vendere libri e farsi invitare al parlamento europeo.


dal libro ALEXIS TSIPRAS-LA MIA SINISTRA (Bordeaux)

SI PUO' DIRE CHE SE ANDRETE AL GOVERNO CERCHERETE DI SEGUIRE,IN QUALCHE MODO,LA RICETTA DI KEYNES,AUMENTANDO GLI INVESTIMENTI PUBBLICI PER FARE IN MODO CHE L'ECONOMIA POSSA USCIRE DA QUESTO CIRCOLO VIZIOSO,PER FAR CIRCOLARE DI NUOVO PIU DENARO?

Si,il metodo è indubbiamente questo,solo che noi non avremo la possibilità di controllare la politica economica e monetaria.Se fossimo un paese con una propria moneta e la possibilità di esercitare una propria politica economica,avremmo fatto esattamente questo.Ora,tuttavia,dobbiamo convincere l'Europa ,nel suo complesso,che è necessario seguire questa strada,ed è,appunto, la grande difficoltà da affrontare.Non c'è nessun dubbio che la soluzione si trovi nel sostegno della domanda.Finchè i cittadini con redditi medio-bassi (quelli cioè,che spendono i soldi del loro stipendio e non lo tramutano in risparmi) non hanno piu uno stipendio da spendere,l'economia non si può riprendere.
Per essere del tutto sinceri,questo necessita di investimenti pubblici realmente coraggiosi,che non possono essere compiuti basandosi  sulla legge di stabilità della Grecia.Ci vogliono ,quindi, degli investimenti pubblici realmente coraggiosi,che non possono essere compiuti basandosi sulla legge di stabilità della Grecia.Ci vogliono,quindi,degli investimenti pubblici forti da parte dell'Europa nel suo complesso.Abbiamo descritto il quadro della soluzione come "un nuovo New Deal europeo",un nuovo accordo sociale che dia la possibilità (con la collaborazione della BCE della Banca Europea per gli investimenti) di poter approvare grandi e corposi Fondi per lo sviluppo a favore di tutti i paesi della "periferia europea".
Allo stesso tempo, insieme a queste mossi ci vuole uno sforzo coordinato che miri ad affrontare,in modo radicale,l'incubo del debito in modo da fermare l'attacco speculativo sferrato al cuore dell'Eurozona.

SI RIFERISCE A UNA PARZIALE CANCELLAZIONE DEL DEBITO PUBBLICO?

Si.Innanzitutto,pensiamo che il modello della soluzione da adottare sia quello seguito per la Germania nel 1953,alla storica conferenza di Londra.In un vertice europeo,ovviamente,si può discutere e cercare di arrivare a una soluzione.Ci sono molti metodi tecnici che si possono usare per poter andare verso questa direzione:quelli che riguardano l'adozione di una moratoria sul pagamento del debito,o l'idea che la BCE abbia un ruolo piu,specifico,assumendo su di sè parte dei debiti,nella logica della mutualità del debito.La BCE,facendosi prestare soldi per conto dei paesi membri a un tasso molto basso,potrebbe offrire la possibilità di finanziare il debito.
Ma ,ripeto,non si tratta di una sola mossa necessaria,si tratta di un insieme di mosse che riguarderà sia il debito pubblico,sia il ritorno allo sviluppo.Questo,ovviamente,presuppone che ci sia l'accordo dell'attuale "paese leader" ,della Germania,ma anche degli altri paesi del Nord Europa che sono attivo.Presuppone che accettino il fatto che la strada sin qui seguita è una strada senza uscita e che vi è la necessità di tornare allo sviluppo e alla solidarietà.Tutto ciò renderà,di poco o di molto,questo lo vedremo,piu debole la posizione della signora Merkel nei summit dei paesi membri.Perchè,come ho detto,se l'Europa tornerà a una situazione di normalità,la signora Merkel sarà uno dei tanti capi di governo.E credo davvero che non desideri che questo succeda...

Nessun commento:

Posta un commento