Anglotedesco

Anglotedesco

giovedì 26 febbraio 2015

In Germania 12 milioni sotto il livello di povertà



Il mondo in cui viviamo cioè con il modello economico neoliberista dove i ceti medio-bassi sono costretti a vivere nel modo in cui spiega nel suo articolo Jacopo Rosatelli.Qui euro o non euro c'entra poco.Claudio Borghi ricorda l'Inghilterra come modello sa seguire, io gli ricordo che nell'ultimo anno i nuovi poveri sono aumentati di un milione.

da IL MANIFESTO del 24 febbraio 2015.Jacopo Rosatelli

La Germania è un paese ricco? E' sicuramente vero,ma è anche un paese povero.Questa "sorpresa" emerge dai dati diffusi nel "rapporto annuale sulla povertà",curato dall'associazione no profit Paritatischer Gesamtverband, resi noti lo scorso fine settimana.L'immagine della Repubblica Federale in cui tutto funziona,il cosidetto modell Deutschland che tutti dovremmo imitare,ne esce piuttosto malconcio.Sono oltre 12 milioni di persone (il 15% dell'intera popolazione) a vivere in condizioni di povertà,cioè con meno del 60% del reddito medio.In  concreto: per una famiglia con due figli la soglia di povertà è a 1870 euro mensili.
Il disagio cresce in ogni parte del Paese,con l'eccezione interessante di alcuni Lander orientali,tradizionalmente più svantaggiati.il Brandeburgo,la Sassonia-Anhalt e la Sassonia.In pessime condizioni la regione della Ruhr (in città come Bochum e Dortmund),già dell'industria pesante.Il Land meno povero è, come sempre,la Baviera.Le categorie più esposte al rischio-povertà sono i disoccupati,i nuclei familiari monoparentali e i pensionati."Aumentano sempre di più le disuguaglianze" attaccano in coro dall'opposizione i Verdi e la Linke,che accusano il governo della cancelliera Angela Merkel di ignorare il problema.
Le contromisure possibili? Secondo l'associazione che ha curato il rapporto,innanzitutto l'aumento dell'assegno Hartz-IV,il reddito minimo cui hanno diritto tutti i cittadini che non hanno lavoro (a condizione che ne cerchino uno).Attualmente la quota-base è di 339 euro mensili a persona:la richiesta è che aumenti a 485 euro.Una rivendicazione storica della Linke,che in passato riuscì ad ottenere un aumento soltanto grazie all'intervento della corte costituzionale che obbligò il governo a rivedere al rialzo il contributo,una seconda possibile misura sarebbe l'aumento della quota dei trasferimenti fra i Lander più ricchi e quelli più poveri:ma la solidarietà scarseggia.Non solo con i greci,ma anche fra tedeschi.

Nessun commento:

Posta un commento