Anglotedesco

Anglotedesco

martedì 14 aprile 2015

RAFAEL MAYORAL (Podemos):"Noi e Syriza siamo forze popolari"




In effetti la Ue detta le politiche estere  e anche voi greci state accettando anche se volete far credere il contrario.
Intanto secondo voci vicine al governo greco,citate dal Financial Times,la Grecia di Tsipras starebbe preparando il default.A rischio sarebbero circa 2,5 miliardi di rimborsi al FMI tra maggio e giugno.

da IL MANIFESTO del 14 aprile 2015-Rafael Mayoral risponde alle domande di Giuseppe Grosso

"Effettivamente rifiutiamo le etichette di destra e sinistra,ormai usurate.Il Psoe,per esempio,dovrebbe essere un partito di sinistra,però ha appoggiato la Troika e ha contribuito al disastro sociale spagnolo.Per noi la linea di demarcazione non è tra destra e sinistra,ma tra forze che difendano gli interessi dei grandi capitali e forze che agiscono a tutela della maggioranza sociale.Una maggioranza ,peraltro,composita:la crisi non ha colpito solo gli operai o i settori sociali piu tradizionalmente legati alla sinistra,ma anche i liberi professionisti,e persino la piccola e la media imprenditoria.Insomma,piu che un'ideologia,noi difendiamo un nuovo modello di Paese,difficile da comprimere in categorie vecchie".

"Siamo certamente favorevoli ad un'Europa unita.Però la Ue non può essere il cortile del capitale finanziario.Al contrario,dovrebbe essere uno spazio di rappresentanza e di tutela degli interessi dei popoli e delle nazioni.La Grecia ha avuto la dignità di rivendicare questi diritti e di divincolarsi dalla stretta tedesca,mentre la Spagna resta genuflessa al cospetto della Merkel.Non è un caso che i governi piu critici nei confronti delle decisioni greche,siano stati proprio Spagna e Portogallo".

"La vittoria di Syriza ha fatto si che si consolidasse l'importanza e la specificità dell'area geopolitica composta dai paesi dell'Europa meridionale.L'affermazione di Tsipras influisce anche su altri paesi dell'area mediterranea (a cui aggiungerei l'Irlanda).Con Syriza al governo,la lotta dei  paesi del Sud Europa per modificare l'assetto del potere sullo scacchiere comunitario è diventata piu concreta".

"Ogni Paese sovrano ha il diritto di interesse relazioni con altri stati.I vertici della Ue credono di poter dettare le politiche estere ai Paesi economicamente piu deboli secondo i loro interessi,ma di fatto si tratta di un'ingerenza nelle scelte di un governo autonomo".

Nessun commento:

Posta un commento