Anglotedesco

Anglotedesco

martedì 19 maggio 2015

De Grauwe non crede a un fondo monetario per la Ue



Si parla di un Fondo monetario europeo,di un bilancio della zona euro in grado di aiutare i governi nella lotta alla disoccupazione,di un maggior coinvolgimento del Parlamento di Strasburgo nelle decisioni di politica economica.C'è anche chi chiede di creare un debito sovrano europeo al posto di quelli nazionali,ma la richiesta sembra troppo ardita.Indicazioni che si ricavano leggendo il primo paper,per ora riservatissimo,della Commissione Ue,che mette insieme la indicazioni raccolte tra le capitali  e indica una serie di possibili innovazioni.Su questa base i quattro presidenti europei scriveranno il loro rapporto che planerà sul tavolone quale del prossimo summit di Bruxelles a inizio estate per l'approvazione dei leader.

da REPUBBLICA AFFARI E FINANZA del 4 maggio 2015-Paul De Grauwe risponde alle domande di Eugenio Occorsio

"Per arrivare ad un'Europa piu coesa e solidale serve la volontà politica di tutti,ma purtroppo non mi sembra proprio che ci sia".

"Il problema è uno solo:la mancanza di fiducia.E' stata questa mancanza a provocare la crisi dell'euro,e la stessa mancanza a provocare la crisi dell'euro,e la stessa mancanza ne ha causato l'aggravamento.Guardate al caso della Grecia: a cosa è servito il gigantesco rifinanziamento se poi non è stato accompagnato di nessuna fiducia nelle capacità del Paese  di rimettersi in piedi? Anzi,gli è stato impedito con la scellerata severità che ha aggravato la situazione.Risultato,ora si andrà a finire con la necessità  del terzo "bailout" che costerà all'Europa non meno di altri 60-80 miliardi".

"Il parlamento europeo ha acquisito competenze piu che meramente consultive.Ad esempio sono state importanti al momento di varare l'unione bancaria.Certo,le decisioni finali sono rimaste appannaggio della Bce.La Bce è correttamente condotta da Draghi ma è surreale che l'unico organismo realmente esecutivo d'Europa sia proprio quello che non è stato eletto.Che ad esso spettino decisioni che determinano la vita o la morte di uno Stato senza credibili interlocuzioni democratiche da nessun'altro "corpo europeo".La Bce non si sta comportando con troppa severità,agisce secondo le regole.Però,vede  dove sta il corto circuito:se fosse proclamata lender of last resort avesse un interlocutore esecutivo di pari dignità,insomma se ti riproducessero lo schema della Fed americana,potrebbe piu liberamente,per esempio,decidere se accettare o no i bond greci come collaterale.E quindi finanziare con maggiore libertà Atene."

Nessun commento:

Posta un commento