Anglotedesco

Anglotedesco

Secondo voi chi fa piu danni all'Italia Draghi o Berlusconi?

domenica 31 maggio 2015

GUILLERMO JORGE:"Normali le tangenti nella FIFA"




Povero calcio e chi lo prende ancora sul serio.Ma che strano, i colpevoli sono quasi tutti sudamericani,tanto per far passare ,come sempre, corrotti quelli  del Sud America a puliti gli altri.Ha ragione Putin.

Alcune cose prima di leggere le cose molto interessanti dette da Guillermo Jorge alla Stampa.

-150 milioni di dollari il valore delle mazzette che hanno provocato un terremoto ai vertici Fifa

-10 milioni la tangente pagata dal Sudafrica all'ex vicepresidente Fifa,Jack Warner;per aggiudicarsi i mondiali 2010

-47 capi d'accusa.I dirigenti Fifa dovranno rispondere di corruzione,frode,riciclaggio,associazione a delinquere.

da LA STAMPA del 28 maggio 2015

La FIFA è un'organizzazione che funziona ancora con le regole di mezzo secolo fa,quando era arrivata quasi alla bancarotta.Servono facce nuove,per cambiarla".
Guillermo Jorge,professore di legge alla New York University e all'università argentina San Andres,e fondatore del centro studi Governance Latam,parla per esperienza diretta:dal 2011 al 2013 ha fatto parte dell'Indipendent Governance Commitee,che aveva il compito di indicare alla FIFA le riforme da fare.

"La Fifa è un'organizzazione piramidale,composta da 209 nazioni,che agisce attraverso commissioni incaricate di seguire vari aspetti della sua attività.Non c'è controllo su queste commissioni,e i loro capi hanno molta libertà nelle decisioni.Alcuni interpretano le tangenti come semplici commissioni, dovute perchè stanno assegnando lavoro.I soldi veri,oltre l'80% dei ricavi,vengono dai contratti televisivi e dal marketing,che negli ultimi anni sono esplosi.Però li continua a gestire questa struttura vecchia di mezzo secolo,molto esposta alla corruzione.L'altro aspetto critico è la scelta dei Paesi ospiti dei vari tornei.Qui la decisione finale avviene per voto segreto nel Comitato esecutivo,e quindi ogni genere di illecito diventa possibile,dalle tangenti alle promesse di ospitare eventi sportivi molto redditizi".

"Ci presentarono alcuni dossier,e tutti avevano lo stesso problema di gestione scorretta.Ricordo sopratutto quello che riguardava  la manipolazione dei voti dei membri caraibici per l'elezione del presidente nel 2011,ma anche quelli per la selezione di Russia e Qatar come Paesi ospiti,e persino l'inchiesta sulla tragedia dell'Heysel.Nulla era stato gestito con criteri moderni e trasparenti di indagine".

""Dicemmo che dovevamo imporre dei limiti ai mandati, per non rieleggere sempre le stesse persone;affrontarne il problema dei conflitti di interesse; controllare meglio le attività delle federazioni regionali; aggiornare le regole etiche.Solo all'ultimo punto hanno cominciato a fare qualcosa.E' un'organizzazione gestita come una famiglia,dove ci sono parenti e amici da soddisfare.E' difficile intaccarla".

"E' difficile che Blatter non sapesse nulla,ma è possibile,perchè i capi delle commissioni e delle federazioni regionali hanno molta autonomia.Non guida lui tutti i processi ma è grave che non abbia fatto di piu per prevenire questi comportamenti"

"Cominciare ad applicare le nostre raccomandazioni,a partire dai controlli anti-corruzione sulle singole federazioni.Ma quando in una compagnia privata succede uno scandalo così,la prima cosa che segue sono le dimissioni dell'amministrazione,e invece Blatter si prepara a essere rieletto per la quinta volta".

Nessun commento:

Posta un commento