Anglotedesco

Anglotedesco

lunedì 15 giugno 2015

Anche Squinzi:"Basta Europa dei burocrati"




Ormai tutti cominciano a pentirsi di questa Europa comandata dai burocrati.E' una scusa per rincoglionire la gente.Quello che è successo che sta succedendo e che succederà in futuro,lo spiegano molto bene la coppia Paolo Barnard-Diego Fusaro in questo video:






da IL RESTO DEL CARLINO-Il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi risponde alle domande di Andrea Cangini

"Servono le riforme politiche e istituzionali che vengono annunciate da troppi anni.Serve lo snellimento della Pubblica amministrazione,un processo di spending review vero e radicale,una riforma fiscale non punitiva per i contribuenti"

"Il Jobs Act sta andando nella giusta direzione,ma ci sono altri capitoli sui quali il governo deve andare avanti.L'Italia ce la può fare e la congiuntura esterna ci aiuta.Ma non possiamo farcela se non intraprendiamo con forza la strada delle riforme.Le imprese devono investire di piu,ma ci deve essere il mercato:negli ultimi anni abbiamo perso 9 punti di Pil".

"Se non c'è la volontà politica di scrostare certe situazioni però non riusciremo a riguadagnare la fiducia.Questo è un grande Paese,con tante risorse.Dobbiamo mettercela tutta e ritrovare lo spirito del dopoguerra.Noi imprenditori siamo pronti a fare la nostra parte,ma servono le condizioni giuste.Come una Ferrari,dobbiamo riuscire a scaricare la potenza a terra".

"Sono un convinto europeista.Di piu: sono gli Stati Uniti d'Europa.Ma questa Europa burocratica che regolamenta all'infinito non mi piace.Deve cambiare e devo dire che il governo Renzi spinge piu di altri in questa direzione.La Grecia rappresenta il 2% del Pil europeo,si poteva affrontare e risolvere il problema subito.Ora c'è una grande incognita."

"Ho conosciuto e incontrato Angela Merkel in piu occasioni.E' molto preparata,ma anche molto rigida.Se non siamo ancora riusciti a introdurre il Made-in,l'indicazione del luogo di reale produzione delle merci,è perchè la Germania si rifiuta.Si rischia il suicidio politico, credo che serva maggiore flessibilità.Anche il premier Renzi spinge in questa direzione".

"Sono favorevole ai contratti nazionali,servono accorpamenti e semplificazioni.In  questo momento ci sono oltre 200 contratti nazionali di categorie varie,questo mi sembra un'esagerazione.Occorre andare verso un accorpamento:avrei in testa una ventina di contratti nazionali.Però il contratto nazionale ci deve essere,io sono un sostenitore,io ci credo".

.

Nessun commento:

Posta un commento