Anglotedesco

Anglotedesco

Secondo voi chi fa piu danni all'Italia Draghi o Berlusconi?

mercoledì 17 giugno 2015

SVEZIA:il deficit fa bene se finanza la ricerca




Certo che quando leggi articoli sulla Svezia, è tutto un altro mondo.Avrei voluto nascere in Svezia e non in questo paese comandato dal Vaticano dove la maggior parte della gente è sciocca,codarda,ipocrita,omertosa, complice e...vittima.Ma sai l'Italia ha l'Euro e la Svezia no come dicono gli "eroi" anti euro dell'ultima ora. In questo Paese inventarsi le scuse per non affrontare i problemi e far sempre peggio.Secondo voi con la propria moneta sovrana in Italia ci sarebbe lo stesso ordine che c'è in Svezia? Leggete bene cosa risponde l'economista Kjell Nordstroem.L'unica cosa che voglio correggere a Nordstroem, è sull'immigrazione.L'Italia per percentuale di stranieri è solo ottava in Europa.E poi un'altra cosa:la raccolta differenziata.Gli italiani sono dei bambini viziati che non hanno mai voglia di impegnarsi piu di quel tanto e in effetti la raccolta differenziata fatta male ci costa un miliardi di euro l'anno mentre in Svezia funziona alla grande.

da REPUBBLICA AFFARI E FINANZA del 25 maggio 2015-articolo di Andrea Tarquini

L'aereoporto è perfetto,ma la compagnia aerea di bandiera non basta piu: troppi svedesi cittadini medi viaggiano benestanti in ogni stagione per ferie in mari lontani,troppi businessmn atterrano qui ogni giorno e notte.Arlanda accogliente e postmoderno,lontano dalla città ma tanto il treno da 210 orari ti ci porta in 20 minuti,surclassa Zurigo Francoforte o Monaco,è lo hub perfetto di Sas,ma i low cost di lusso come Norwegian,airlines premium del Golfo o aviolinee vicine come Finnair devono soccorrere Sas per il volume di arrivi e partenze.Poi quando quel treno-proiettile made in Sweden ti porta in corsa in centro, anche venendo da Berlino vedi un altro mondo:gente ben vestita casual o classico in ogni quartiere,belle signore,famiglie giovani sempre con carrozzine,teenagers in carriera nelle sturt-up che crescono come funghi:sorridono ,passeggiano,comprano.La ripresa svedese lo cogli subito,da Ostermalm quartiere bene in decollo ma rimasto abitativo,sopravvissuto alla gentrification col suo splendido mercato coperto bella èpoque, a Sodermalm zona dei designers e dei geni internettiani,fino alle città-satellite piu lontane dove la Tunnelbana (l'elegante metro profondissimo perchè visto il Grande Vicino è anche rifugio atomico) ti porta puntuale giorno e notte:anche laggiù,gente a basso reddito e una marea di migranti ed esuli,massima percentuale al mondo per abitante,vivono dignitosi.
Le cifre fanno impressione,prognosi di crescita del pil piu 2,7-2,8 quest'anno,piu 3 od oltre nel 2016.Debito sovrano un tempo mostruoso,oggi abbattuto a medie del 35-40% del pil,sacrifici solidali varati in tempo negoziandoli,mi fa notare mostrandosi i dati Mats Dillèn,l'ascoltatissimo direttore dell'Istituto pubblico per la Congiuntura e sottolinea:"La disoccupazione è ancora troppo alta, 8%,ma l'occupazione cresce dell'1% l'anno,e i migranti ed esuli da Siria e altre zone di guerra spesso si integrano,e aumentano la natalità".L'export produce  metà del pil ed è tutto eccellenza:auto di lusso,aerei ai migliori livelli tecnici Usa o cinesi,elettronica,tlc.Internet con invenzioni come Skype o Spotify.

L'ECONOMISTA SVEDESE KJELL NORDSTROEM RISPONDE ALLE DOMANDE DI ANDREA TARQUINI

"Abbiamo imparato a credere nell'innovazione permanente,nella riforma permanente del nostro sistema per mantenerlo sempre insieme competitivo e solidale.Pragmatismo solidale mettendosi sempre in discussione è la strategia nata da scelte dolorose,varate dalla socialdemocrazia".

"Il grande riformatore Goeran Persson tagliò le prestazioni troppo generose del welfare,ridusse la pressione fiscale arrivata a prelievi tra il 70 e il 95%,varò una spending rewiew durissima.Oggi abbiamo un fisco pesante ma competitivo:imposte su reddito del 30% fino a 40.000 euro,dal 54% per le fasce alte,del 30% per gli altri redditi,del 20% per le aziende.Senza tagliare su istruzione e ricerca".

"Perchè abbiamo interiorizzato l'idea della riforma permanente e non dogmi di rigore a oltranza,e i modelli di questo piccolo paese socialista nell'animo sono gli Usa della Silicon valley e Israele delle aziende high tech di punta,non l'eurozona.Stoccolma è luogo di boom continuo di nuove aziende start-up,internettiane,di nuove tecnologie,non temiamo di imparare da altri se gli altri sono "ideas machines".E l'industria esportatrice d'eccellenza è priorità nazionale bipartisan".

"E' possibile tradurre la competitività anglosassone nello spirito solidale dei valori costitutivi europei.Scuole e ospedali privati competono per efficienza per avere il massimo possibile di studenti e pazienti,poi paga lo Stato, non i privati.La libera scelta di studenti e pazienti,e delle mamme che scelgono dove e come partorire,alla fine produce sia efficienza solidale sia risparmi pubblici".

"L'immigrazione è la nuova sfida,ha cambiato a fondo il paese.Svezia, Germania,Italia sono i tre paesi che ne accolgono di piu.Ne arrivano piu di quanti il sistema-paese possa integrare con posti di lavoro.Con un punto debole preesistente:la disoccupazione giovanile resta alta perchè ci vorrebbero meno barriere d'ingresso,piu libertà di retribuzioni basse iniziali.L'immigrazione di massa ha cambiato a fondo realtà e dibattito politico.I populisti sono attivi anche da noi,sebbene non così duri come il Fn francese o la vostra Lega.Immigrazione limitata e welfare al top per tutti non sono possibili insieme,questione di costi.Un'economia tecnologicamente avanzatissima non cela fa a creare nuovi jobs quanti sono i migranti.E anche per i disoccupati svedesi non qualificati è dura.Anche in un paese ipersolidale non puoi finanziare la solidarietà tornando al fisco eccessivo degli anni Settanta".

"Difficile conciliare il miglior welfare con la massima immigrazione,ma possiamo farcela con lo spirito di rimettersi sempre in discussione.L'industria esporta,persino Putin l'imprevedibile ci aiuta a vendere piu jet,e il tasso di natalità è alto,a garanzia di finanziabilità futura del welfare.Grazie a dure leggi solidali:che una coppia resti unita o si divida entrambi sono responsabili dei figli al 50%,quindi non esiste la paura di restare ragazze madri sole e povere e allora si esita meno che altrove a mettere al mondo nuovi cittadini"


Nessun commento:

Posta un commento