Anglotedesco

Anglotedesco

lunedì 24 agosto 2015

STELIOS PAPPAS:" La Ue voleva uccidere questo governo"



Tsipras ha cercato in maniera molto limitata di mettere il bastone tra le ruote alla dittatura europea,nonostante tutto è risultato un personaggio scomodo lo stesso sopratutto ai padroni del mondo,agli Illuminati,le famiglie piu potenti al mondo.
Se domani sparisse l'euro non mi strapperei i capelli però non voglio che si esca da destra ,i che ho idee di sinistra.L'euro è una moneta sbagliata ma non è il male assoluto,non è per colpa della moneta unica europea se è aumentato in maniera enorme la differenza tra ceto medio-alto e quello medio basso,se  negli anni 80' la massa di ricchezza finanziaria internazionale era pari a circa 500 miliardi di dollari mentre oggi è 700 trilioni di dollari.Non è colpa dell'euro se la classe operaia si trova in una situazione simile a quella degli anni 50-60.

da LA REPUBBLICA del 24 agosto 2015-Stelios Pappas risponde alle domande di Matteo Pucciarelli

"Le dimissini di Tsipras è stata una scelta necessaria,a suo modo è una decisione  storica,come quella del referendum.Il giorno in cui siamo andati al govern ci siamo trovati di fronte una fase di lotta inaspettata,con una doppia battaglia,interna ed esterna.Bisogna calcolare questo".

"Ogni volta che si sfida un potere si mette in conto la sconfitta.E per noi non finisce qui.L'obiettivo è duplice e rimane intatto:governare la Grecia e cambiare l'Europa e il suo governo neoliberale".

"Il popolo greco sa che l'unica possibilità di uscire dalla crisi, se c'è,è in mano a Syriza e a Tsipras.Adesso lo sa anche l'Europa,che ha tentato in tutti i modi di sabotare questo governo quest governo.Noi abbiamo risposto con il referendum e abbiamo ottenuto un accordo che ci dà soldi per rilanciare l'economia e la discussine sul taglio del debito".

"L'Europa è un campo di lotta,il nostro campo di lotta,dove convivono forze e sensibilità differenti.Nessuno stato da solo nè nessuna sinistra ha la forza di controllare la velocità con la quale si muove l'economia.Per questo occorre un processo e una rivoluzione demcratica per fronteggiare queste forze.Alcuni paesi come Italia e Francia in qualche modo ci hanno aiutato in questa fase".

"Siamo con i lavoratori,e le forze che le organizzano ci osteggiano.Il capitale è ben organizzato chi lavora no.Uscire dall'euro come vuole qualcun (Lazafanis,il leader della minoranza di Syriza fuori uscito con altri 24 deputati) ,significherebbe  isolarci geopoliticamente e la volta che il Paese lo ha fatto,dopo la seconda guerra Mondiale,è piombato nella guerra civile.Non aggiungo altro".

Nessun commento:

Posta un commento