Anglotedesco

Anglotedesco

venerdì 7 agosto 2015

STRAGE HEYSEL.Promozioni per i responsabili dell'ordine pubblico (1/2)



Nereo Ferlat,ne L'ULTIMA CURVA,al riguardo dei biglietti ha scritto:"Il settore Z,originariamente doveva ospitare soltanto spettatori belgi.Quello era il settore riservato loro dall'Uefa.La società Juventus S.p.A. aveva dato ai Clubs i settori N e O..Siccome,troppa gente prolifera intorno a questi Clubs,la domanda era di gran lunga  superiore aòll'offerta,e così per soddisfare questa serie di richieste si scelse la via piu facile:molti emissari dei Club ed anche bagarini si sono recati a Bruxelles ad acquistare i nefasti tagliandi a prezzo maggiorato.Di qui il lievitare dei prezzi per gli ultimi arrivati (...).Molta,troppa gente aveva acquistato presso un club o un'agenzia di viaggi questi biglietti del fatidico e tragico settore Z (...).Purtroppo i biglietti il cui costo originario era di lire 9.600 sono stati venduti a lire 80.000 cadauno! Questo fa rabbrividire".
E,comunque,non spiega.Non spiega perchè la maggior parte di coloro che sono finiti nel settore Z pensavano di andare in tribuna,perchè solo all'ultimo momento,persone che avevano organizzato da tempo il viaggio,si sono viste cambiare,diciamo così,biglietto:erano stati forse promessi biglietti che non c'erano o di cui non si era ancora in possesso?
Domande che sono rimaste senza risposte perchè nessuna inchiesta in questo senso ha portato a un processo nei confronti di club e agenzie.
Sempre a un anno di distanza si scoprirà che l'inglese che aveva chiamato la carica degli hooligans era un parà, reduce delle Falkland,la guerra che qualche anno prima aveva messo di fronte Argentina e Inghilterra.A sottolineare il disagio sociale che era alla base dell'inaudita violenza,fine a se stessa,degli hooligans.Disagio che non toglie le colpe,ma aiuta a capire,anche perchè i veri responsabili,i mandanti sono altri e Otello Lorenzini,presidente dell'Associazione fra le famiglie delle vittime di Bruxelles,sa quanto sarà difficile ottenere giustizia.

Nessun commento:

Posta un commento