Anglotedesco

Anglotedesco

Secondo voi chi fa piu danni all'Italia Draghi o Berlusconi?

lunedì 28 settembre 2015

CARLO SANGALLI:"Per molte famiglie e imprese la ripresa ancora non c'è"


La ripresa c'è ,grazie all'impiego di decine di migliaia di schiavi che lavorano senza avere un futuro...


da IL CORRIERE DELLA SERA del 28 settembre 2015-Il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli risponde alle domande di Antonella Baccaro

"La ripresa c'è e i segnali sono chiari.Il nostro indicatore dei consumi a luglio ha registrato un aumento del 2,1% rispetto a un anno prima.Ma c'è anche la fiducia di famiglie e imprese ai massimi e il buon andamento del mercato del lavoro e della produzione industriale".

"La prudenza è d'obbligo per tre motivi.Il primo: la crescita non è ancora solida nè diffusa.Molte famiglie e piccole imprese non l'hanno ancora toccata  con mano.La perdita di ricchezza in questi anni è stata pesante,i consumi sono tornati sui livelli del 1998 e comunque,rispetto al picco del 2007,abbiamo perso mediamente piu di 2.100 euro a testa,e questo fa capire che abbiamo sofferto e con quanta intensità dobbiamo crescere ora".

"Le imprese dei nostri settori continuano a soffrire:nei primi sei mesi del 2015 hanno chiuso 35.000 attività commerciali al dettaglio,che vanno ad aggiungersi alle oltre 64.000 che hanno abbassato definitivamente la saracinesca nel 2014,e piu di 16.000 tra ristoranti e alberghi.Il terzo motivo riguarda il Sud.A forza di un nord trainato dalle esportazioni e che ha beneficiato dell'effetto Expo,e di una crescita delle regioni centrali,grazie all'espansione dei servizi,il Sud è rimasto indietro.La nostra previsione di +1,1% di Pil per il 2015 è,infatti, sintesi di un + 1,5% del Centro-Nord e di un arrettramento dello 0,5 del Mezzogiorno"

"L'occupazione in crescita da quattro trimestri consecutivi,anche se non si può ignorare che,rispetto al 2012,il Nord ha perso 26.000 occupati,il Sud 250.000 unità".

Nessun commento:

Posta un commento