Anglotedesco

Anglotedesco

venerdì 6 novembre 2015

FABIO STORCHI (Federmeccanica):"I nuovi contratti andranno ripensati"



Non ho nulla contro i sindacati ma si devono rendere conto che ormai la Costituzione italiana non conta piu nulla con il Trattato di Lisbona.
Dopo la caduta del Muro di Berlino nel 1989,si è portato il modello americano in Europa.Disuguaglianze enormi,distruzione della classe operaia che è costretta ad accettare condizioni di lavoro disumane.Il segno piu non vuol dire nulla,anzi è aumentata la schiavitù.

da LA REPUBBLICA del 3 novembre 2015-Fabio Storchi risponde alle domande di Roberto Mania

"Le richieste dei sindacati per il rinnovo del contratto dei metalmeccanici sono incompatibili con le attuali condizioni delle imprese.Anche se è vero che dopo tredici trimestri consecutivi con il segno meno,il settore comincia a riprendersi.Ad agosto abbiamo registrato un + 2,3% dell'attività rispetto ad un anno fa.Ci sono aree che vanno bene,come l'auto e le macchine utensili,ma altre,come il minerario l'oil-gas,le macchine agricole,ancora dentro la crisi e che continueranno a perdere occupazione.Luci ed ombre in un settore che ha perso il 50% di produzione e più di 250.000 posti di lavoro nei sette anni della recessione"

"Nei 7 anni della crisi le imprese metalmeccaniche hanno perso volume di attività e competitività.Le retribuzioni nominali sono cresciute del 23,6% mentre il settore ha perso il 18% di valore aggiunto.Il Clup,il costo del lavoro per unità di prodotto,è aumentato dal 2000 di quasi il 35% ,in Francia del 2,3%,in Germania la produttività ha sostanzialmente compensato la crescita delle retribuzioni,in Gran Bretagna il Clup è sceso del 5,6%.E le cose vanno a gonfie vele si producono due milioni di auto contro le 6-700.000 in Italia.In questo contesto il tema è cambiare l'impostazione contrattuale lasciare al contratto nazionale un ruolo cardine di regolatore e di garanzia ed affidare al contratto aziendale di secondo  livello la funzione di distribuire la ricchezza che si è prodotta". 

Nessun commento:

Posta un commento