Anglotedesco

Anglotedesco

Secondo voi chi fa piu danni all'Italia Draghi o Berlusconi?

venerdì 27 novembre 2015

JEAN-CLAUDE TRICHET:"L'Italia con le riforme farà ripartire la crescita"



Certo, per mantenere i conti in ordine aumenterà il lavoro precario, aumento delle disuguaglianze (quello che provoca il vero e proprio terrorismo) e distruzione del ceto medio-basso.Ma per l'ignoranza e il menefreghismo,la maggioranza della gente se lo merita, non sono ipocrita e mai lo sarò...

da LA REPUBBLICA del 27 novembre 2015-Eugenio Occorsio

"Draghi fa benissimo a ricordare,come facevo io ai miei tempi,che la BCE non è l'unico giocatore in campo.Le riforme implementate dai governi sono l'essenza del processo di sviluppo e creazione di occupazione".

"Sul fronte delle riforme strutturali il nostro Paese si sta muovendo nella direzione giusta.E non lo dico solo per le riforme strettamente economiche ma anche per le revisioni istituzionali e costituzionali che creano la cornice con efficacia i provvedimenti specifici".

"Ho piena fiducia che Draghi e in consiglio dei governatori faranno la scelta giusta, e sapranno considerare tutti i fattori:le prospettive dei prezzi,gli obiettivi e le aspettative di inflazione,il comportamento dell'economia reale nell'area euro.Apprezzo particolarmente i messaggi che Draghi indirizza ai governi ricordando loro che è indispensabile che agiscano anch'essi contro la deflazione e la stagnazione,e anche un altro aspetto della condotta del presidente dell'Eurotower:è attento che ogni investitore,ogni risparmiatore,ogni partecipante al mercato e operatore economico in tutti i Paesi dell'euro,siamo consapevoli e condividiamo la politica della Bce.Comprendiamo insomma perchè il QE (quantitative easing) è partito,in continuità con precedenti misure:gli acquisti di titoli del Tesoro che facemmo nel 2010 e 2011 nell'ambito dell'Smp (Securities Markets Programme) e gli Omt (Open market operation) annunciati da Draghi nel 2012.Il tutto con la prospettiva di stabilizzare la moneta e le economie e in questo quadro di riportare l'inflazione vicino al 2% nel medio termine".

Nessun commento:

Posta un commento