Anglotedesco

Anglotedesco

giovedì 26 novembre 2015

MICHEL ONFRAY:"Colpa della politica islamofoba della Francia"




Sono d'accordo con Michel Onfray e quello che ho sottolineato è la sintesi perfetta su come va il mondo e perchè accadono certe cose.

da LA STAMPA del 26 novembre 2015-Leonardo Martinelli

Brevemente su chi è Michael Onfray, è uno dei maggiori filosofi contemporanei francesi,è al centro di una polemica a 360 gradi,nel mirino anche della sinistra "ufficiale".

Ha detto a Leonardo Martinelli:

"Coloro che hanno costruito sono perfettamente al corrente delle sfide ideologiche del nostro Paese.Utilizzarmi,io che sono autore del "Trattato di ateologia" e che faccio professione di ateismo, per estrarne un'idea di buon senso (i bombardamenti non impediranno il terrorismo sul suolo francese ma lo faranno aumentare) dice parecchie cose".

"Un tempo la tradizione pacifista era a sinistra,quella  bellicista a destra.C'erano il "che cazzata la guerra" di Jacques Prevert.O le analisi di Albert Camus sulla guerra d'Algeria.Oggi sinistra o destra suonano la tromba.Un tempo,cioè un mese fa, cantare la marsigliese era fascista: oggi non cantarla  a pieni polmoni è fascista.Non c'è nessuna analisi geopolitica,alcun senso della storia.Il compassionevole fa la legge,complici i media,si getta nella spazzatura un millennio di riflessione laica sulla necessità di rispondere alla violenza con qualcosa di diverso rispetto alla violenza"

"La politica islamofoba francese è la stessa dii George Bush, che decise di fare una crociata,il famoso asse del bene,dell'Occidente contro l'Islam,l'asse del male.Francois Mitterand,di sinistra quando era all'opposizione ma di destra quando è arrivato al potere,ha sottoscritto la politica imperialistica degli americani fino alla partecipazione alla prima guerra del Golfo nel 1991.Da allora,al di fuori della parentesi di Jacques Chirac,che ha rifiutato la seconda guerra del Golfo,la Francia c'è sempre stata quando bisognava picchiare sui musulmani:in Afghanistan,in Iraq,in Libia,in Mali.Sarebbero quattro milioni i musulmani morti dalla prima guerra del Golfo ad oggi,in nome di una battaglia per i diritti umani contro le barbarie.E si vorrebbe che l'Islam non vendicasse i suoi morti?"

"Per ridurre il costo del lavoro e proletarizzare la manodopera, l'Europa ha visto di buon occhio un'immigrazione massiccia.Ma questo proletariato potenziale,poi, ha iniziato ad ambire a un impiego reale.Parigi si è svuotata del suo popolo,rigettato nelle periferie degli Anni 70'.La città è diventata sociologicamente tossica.E le baulieve delle zone di non diritto,dove la droga e i traffici di ogni tipo  sono moneta corrente,senza che la polizia possa opporsi.In un mondo dove i soldi fanno la legge,non averne ti trasforma in paria.Alcuni di questi paria sono diventati di una rabbia canalizzata dall'Islam radicale".

Nessun commento:

Posta un commento