Anglotedesco

Anglotedesco

domenica 27 dicembre 2015

CLAUDIO COSTAMAGNA:"Subito un miliardo per le piccole-medie imprese"



Di un ex Goldman Sachs c'è poco da fidarsi, ormai li troviamo ovunque.Per gli operai le cose andranno sempre peggio e dovranno accontentarsi dei lavori precari e basta guardare in questi giorni nei centri commerciali ,tutta gente che finite le feste saranno di nuovo disoccupate.

da IL SOLE 24 ORE del 19 dicembre 2015-Claudio Costmagna risponde alle domande di Celestina Dominelli

"Interverremo su tutto il ciclo,a partire dal venture capital.E qui io intendo non tanto le start up,che nascono in Italia questo non è un problema.Il problema,semmai, è quando una start up,che nascono in Italia e questo non è un problema.Il problema,semmai, è quando una start up ha già un suo prodotto,una sua storia e deve accellerare la crescita.E' li che mancano investitori che riescono ad aiutare l'azienda a diventare azienda.Poi il piano si occupa di tutto il mondo delle piccole imprese che cerchiamo di aiutare ad andare sul mercato con questo nuovo strumento del fondo strategico,di dargli capitale per spingere la crescita e portarle velocemente sul mercato.E,infine,abbiamo gli investimenti stabili che sono quelli che ci siamo trovati:Eni, Fincantieri,Snam,Terna e,da quando siamo arrivati,abbiamo avviato al processo per aggiungere Saipem se verrà formalizzato l'annunciato avvento di capitale che renderà tecnicamente non in perdita la società.E forse se ne aggiungerà qualche altra.Qui l'idea è quella di essere un investitore stabile in aziende sane, belle e importanti per il sistema paese,dove noi ci sediamo al tavolo,aiutiamo queste imprese a crescere,da una posizione passiva,ed è chiaro che,il giorno in cui dovesse arrivare lo scalatore  o altro,un pò  perchè siamo seduti al tavolo da azionisti e un pò anche per che rappresentiamo ,forse un pò d'influenza potremmo averla".

"Riteniamo che ci sia spazio per liberare risorse che poi devono essere investite in altre infrastrutture e servizi per i cittadini:è incoraggiante vedere il riscontro che abbiamo avuto rispetto al dialogo che abbiamo avviato.Bisogna poi tener conto che,nell'ambito delle valorizzazioni del patrimonio pubblico,ci sono anche li sotto dei segmenti che andrebbero trattati in maniera diversa.Penso, per esempio,al tema delle carceri:San Vittore e Regina Coeli sono due situazioni che gridano vendetta perchè San Vittore è in uno dei quartieri di Milano in cui il residenziale vale di piu e lo stesso discorso si può fare per Regina Coeli.
Tenere delle carceri in due posizioni del genere non ha alcun senso:bisognerebbe semmai dare un progetto per costruire nuove carceri fuori Roma su terreni che esistono già e sono già in pancia nostra o in mano allo Stato per liberare gli spazi attuali.Un altro esempio,poi, è quello degli uffici in mano allo Stato per liberare gli spazi attuali.Un altro esempio,poi è quello degli uffici in mano ai ministeri:mi ricordo che,quando ero alla Goldman Sachs,con loro avevamo fatto un progetto per il Governo inglese in cui;attraverso un'opera di ristrurtturazione ed efficienza,avevamo liberato il 50% dello spazio.Si è trattato di un progetto che tutto il mondo immobiliare nel mondo ha guardato con grande attenzione".

Nessun commento:

Posta un commento