Anglotedesco

Anglotedesco

venerdì 8 gennaio 2016

Enrico Letta vuole una polizia europea di frontiera




La carriera di Enrico Letta la conosciamo, anche lui è a favore delle politiche neoliberiste e la risposta che ha dato sugli immigrati ne è la prova.Come negli Usa,anche in Europa servono nuovi schiavi per fare certi lavori  e poi inevitabilmente salta fuori la scusa che gli europei fanno pochi figli...Tutte cavolate...i ceti medio bassi devono essere distrutti...lavoro precario e salari bassi

da IL CORRIERE DELLA SERA del 7 gennaio 2016-Enrico Letta risponde alle domande di Alessandro Trocino

"L'Europa è scossa da un terremoto che ne mette in discussione i valori basiliari.In un tripudio di sondaggi, si alzano i muri,si abbattono punti e si chiudono frontiere.Un impazzimento collettivo, che non tiene conto delle possibili conseguenze.Rialzare le frontiere e chiudersi dentro logiche nazionalistiche sarà alla fine inefficace per tutti.Ma in particolare avrà un effetto negativo per l'Italia,che è il Paese che ha piu da questa escalation".

"Spesso dimentichiamo che in Schenghen siamo entrati molto dopo e con grande fatica.L'accordo è stato una creazione  franco-tedesca,due Paesi che non hanno frontiere fisiche e non sono divise da mari o da montagne.Se oggi fallisce,rinascerà una mini-Schenghen tra Francia,Grecia e Spagna rischiano di essere escluse:sarebbe un segnale terribile".

"Bisogna rafforzare i controlli alle frontiere esterne dell'Europa .Questo significa raddoppiare il controllo con un servizio misto,non lasciato in mano alle forze di polizia nazionali.Non servono cento persone,ma decine di migliaia di poliziotti europei.Questo è essenziale sopratutto per le questioni di sicrezza:i terroristi del 13 novembre hanno passato le frontiere europee varie volte"

ALLA DOMANDA SUI FATTI DI COLONIA DOVE CENTINAIA DI IMMIGRATI HANNO MOLESTATO DELLE DONNE ,ENRICO LETTA RISPONDE:

"La Merkel ha una grande capacità di leadership e tra vent'anni i tedeschi la ringrazieranno,come oggi ringraziano Schroeder e Kohl.Del resto, la Germania ha una demografia disastrosa,la peggiore d'Europa:se non avesse fatto questo gesto di accoglienza tra 10 anni avrebbe avuto un terzo della popolazione pensionata.Il tema dell'immigrazione non può essere gestito solo dal ministero dell'Interno,come sicurezza.Il messaggio di fine anno del Presidente Mattarella è stato molto forte ed efficace su questo punto.Dev'essere chiaro che l'immigrato deve rispettare le nostre regole.E sopratutto sul rispetto della donna,ovviamente,non si può transigere in alcun modo".

"Ha ragione il  Presidente Napolitano ,i successi dell'Italia sono  sempre stati successi di leadership.Non si vince agitando slogan come "battere i pugni sul tavolo" o non avere il cappello in mano".Il problema è la credibilità ,cioè la coerenza tra parole e fatti.Se si usano troppo spesso l'Europa come scaricabarile o come capro espiatorio,poi se ne subiscono le conseguenze.Stiamo attenti:chi semina vento,raccoglie tempesta.Ho paura che alcuni atteggiamenti di Renzi sull'Europa siano dovuti ai sondaggi e alla voglia di avere voti.Del resto il fatto di avere o non avere il cappello in mano dipende dai fatti non dalle parole.Non basta autodefinirsi credibili.E' una  politica europea credibile deve basarsi su alleanze efficaci:la nostra alleanza naturale e con Francia e Germania.sERVE UNA NUOVA INIZIATIVA EUROPEA,A DUE CERCHI".

Nessun commento:

Posta un commento