Anglotedesco

Anglotedesco

giovedì 7 gennaio 2016

I guai di Pechino e i pericoli per l’Ue...



Mentre si parla del Movimento 5 stelle, Pd,Paolo Becchi ,Matteo Salvini e altri problemini,lunedi solo in Europa sono stati bruciati 264 miliardi di euro,altro che corruzione o espulsioni del M5S.
Sotto una sintesi di una pagina della Stampa molto interessante. 

Analisi prese da due pezzi di articoli della Stampa del 5 gennaio 2016 scritti da Ilaria Maria Sala e Francesco Manacorda

Da sud,dalla fabbrica del mondo nell’aggiornamento industriale e urbano di Shenzhen ,i guai cinesi si vedono più chiaramente. Da alcuni mesi ,imponenti manifestazioni di operai che scioperano per gli stipendi che si assottigliano e per la scomparsa di imprenditori hanno acuito le tensioni sociali.Ma come denuncia il China Labor Bulletin ,l’unica organizzazione sindacale indipendente, in esilio a Hong Kong , la repressione anti-attivisti per i diritti dei lavoratori è talmente forte da non avere precedenti in Cina.Un commento non da poco ,in un Paese dove i lavoratori non hanno il diritto di organizzarsi.
L’idea è che il mercato azionario cinese si sia lasciato spaventare mentre gli investitori puntavano dritto verso l’uscita.Un mercato azionario che, dopo lo scossone dello scorso giugno, continua però a essere drogato ,con molti investitori istituzionali ai quali non è permesso di vendere azioni per direttiva governativa .Restano più ingovernabili i piccoli investitori individuali ,che hanno messo i risparmi in Borsa giocando finanziariamente come giocherebbero a Monopoli ,aggravando le conseguenze in giornate d’improvviso disastro borsistico come ieri.

Nessun commento:

Posta un commento