Anglotedesco

Anglotedesco

venerdì 15 gennaio 2016

La crisi cinese ferisce più la borsa del Pil




Si però le borse comandano il mondo...

da IL SOLE 24 ORE del 9 gennaio 2106-Morya Longo

La crisi cinese fa piu male alle Borse europee che all'economia del Vecchio continente.Posata (per ora) la polvere  della bufera finanziaria di inizio anno,tanti economisti si sono messi a calcolare quale essere l'esatto effetto in Europa del rallentamento e del caos cinese.Ebbene,il responso è per certi versi sorprendente:l'impatto economico si sono messi a calcolare quale possa essere l'esatto effetto in Europa del rallentamento e del caos cinese.L'impatto economico è molto inferiore rispetto a quanto l'immaginario collettivo non si aspetti, mentre quello borsistico è decisamente  piu forte.Motivo:l'economia europea non è così esposta sulla Cina come i luoghi comuni sembrerebbero narrare,mentre le aziende quotate in Borsa (sopratutto quelle tedesche e austriache) lo sono molto di piu.Lo dicono i numeri:a soffrire per la Cina sono le Borse piu che l'economia reale.Sul fatto che l'impatto economico sia limitato sono piu o meno d'accordo gli economisti di tutte le banche d'affari.Gli esperti di Goldman Sachs calcolano che ogni punto percentuale di crescita perso dalla Cina in un trimestre "rubi" oltre 0,25 punti di Pil europeo nell'arco di due anni.E per compensare questa perdita,già minima,basta un calo del 10% del prezzo del petrolio.Gli economisti di Ubs qualche giorno fa hanno fatto calcoli diversi che,però giungono alla medesima conclusione:qualora l'economia cinese si congelasse e registrasse nel 2016 una crescita di appena il 4% (si tenga conto che la previsione di Ubs è del 6,2%),il Pil europeo perderebbe 0,8 punti percentuali.Insomma: anche in questo scenario estremo,l'impatto sarebbe tutto sommato contenuto.In ogni caso,il settore manifatturiero in Europa,quello piu colpito da un rallentamento cinese,produce solo il 16% del Pil.Insomma: il Vecchio continente ha un sistema economico diversificato per non temere piu di tanto la frenata di Pechino.

Nessun commento:

Posta un commento