Anglotedesco

Anglotedesco

domenica 3 gennaio 2016

Walter Ricciardi:”Contro l’inquinamento GB e Francia stanno facendo di più”



Walter Ricciardi da settembre è presidente dell’Istituto superiore di sanità.
L’inquinamento c'è sempre stato,purtroppo il cambiamento climatico è stato determinante per aumentarlo.Poi come sempre l’Italia è sempre l’ultima a trovare la soluzione giusta.

Da IL CORRIERE DELLA SERA del 28 dicembre 2015-Margherita De Bac

“Noi come organismo del ministero della Salute ci limitiamo a sostenere le politiche ambientali mettendo a disposizione i nostri dati scientifici.Stiamo raccogliendo i valori sulla qualità dell’aria per valutare l’impatto dell’inquinamento sulla salute pubblica e le malattie legate alle polveri sottili,le più pericolose perché composte da particelle infinitamente piccole”

“È in atto un cambiamento epocale che richiede una modificazione anche nei comportamenti quotidiani di tutti noi, indicati nel decalogo pubblicato sul sito del ministero. Non saranno però sufficienti pochi giorni di pioggia per risolvere la crisi”

“Secondo quanto ci riportano i colleghi medici che lavorano in ospedale ,lo smog sta creando problemi gravi di salute.Sono aumentati in questi giorni i casi di malattie vascolari e cardiocircolatorie acute,cioè legati all’emergenza in corso.Le polveri sottili irritano l’apparato respiratorio di persone dei cittadini nell’ utilizzare  le caldaie per un numero limitato di ore e con un grado in meno di temperatura.Il primo responsabile dello smog però rimane il traffico in una percentuale pari al 50% a Milano e al 70% a Roma”

“Le grandi capitali europee sono più avanti di noi sulle contromisure.Parigi ha vietato la circolazione dei mezzi più inquinanti a benzina e diesel a partire dal 2017 ,Londra ha introdotto la “ congestion charge” ,un pedaggio per i conducenti di veicoli a motore in certe zone della città. È previsto anche l’obbligo per l’apertura di un nuovo ufficio o una qualsiasi attività ,di un patentino anti inquinamento “.


Nessun commento:

Posta un commento