Anglotedesco

Anglotedesco

martedì 12 aprile 2016

HEINER FLASSBECK:"Colpa della Germania se l'Italia fatica a ripartire"





Bisogna aggiungere che secondo uno studio dell'istituto tedesco di ricerca economica Internationales Wissenschaftsforum Heidelberg,la Germania è il Paese che piu si è avvantaggiato economicamente dalla crisi greca.Dal 2010 Berlino avrebbe risparmiato circa 100 miliardi di euro di tassi d'interesse,grazie alle riduzioni decise a piu riprese dalla Bce.
"Questo risparmio supera i costi della crisi,anche se la Grecia non dovesse fare fronte ai propri debiti,scrive l'istituto,la Germania dunque, in ogni caso,ha tratto vantaggio dalla  crisi greca".

da IL RESTO DEL CARLINO del 9 aprile 2016

"E' ovvio che l'Italia potrebbe subire rilievi da parte della Ue se non rispetta i parametri,in particolare sulla riduzione del deficit.Il confronto sulla flessibilità rischia di essere un placebo se non si risolve il problema alla base di un'Europa che da ciinque anni è in pratica in recessione"

"Il Pil non è un indicatore capace di fotografare appieno l'economia.Io guardo alle cifre della produzione industriale e a quelle per esempio delle costruzioni e mi sembrano piatte.Non credo Renzi aumenterà le tasse.Se fossi io al suo posto non lo farei.Se fossi io al suo posto non lo farei.Quanto ai tagli,ridurre la spesa pubblica significa introdurre  una positiva riforma strutturale ma con effetti negativi sulla congiuntura perchè calano investimenti ,potere d'acquisto e occupazione.E quindi la crisi si aggrava".

"Se l'Italia fatica a ripartire è colpa della Germania.Sul problema tedesco ho scritto un libro e già dal 1997 avevo previsto come sarebbe andata a finire.Con la Germania che si è avvantaggiata dell'euro esportando la sua disoccupazione nei Paesi limitrofi.Negli ultimi otto anni il costo del lavoro unitario in Germania non è aumentato mentre in Italia è cresciuto del 2,6% all'anno e in Francia del 2%.Questo significa che si è creato un divario di competitività del 20% tra Berlino e Parigi e del 30% con Roma.Il gap si può ridurre tagliando del 20% i salari in Italia.Ma le sembra possibile? Lo hanno fatto in Grecia un Paese moribondo che l'Europa si accanisce a pugnalare".

"La cura di Draghi non basta  se Berlino non rinuncia al rigore e non decide,in casa propria,di aumentare i salari e alleggerire il carico fiscale.Manovre espansive che consentirebbero una maggiore crescita di cui si avvantaggerebbe tutta l'Eurozona.Draghi da tempo sa che il vero problema è Berlino ma non riesco ad alzare abbastanza la voce".

Nessun commento:

Posta un commento