Anglotedesco

Anglotedesco

martedì 26 aprile 2016

La vergogna dei Voucher...e il governo Renzi se ne vanta...




Viviamo in una dittatura neoliberista, come in America,anche in Europa bisogna distruggere il ceto medio-basso, ai giovani che non hanno la fortuna di laurearsi e diventare manager, non bisogna dargli nessun futuro, o meglio, un futuro con i Voucher...

Spieghiamo brevemente cosa sono i Voucher:

-E' un buono dell'Inps che serve a remunerare il lavoro accessorio, non riconducibile a un contratto e dunque svolto in modo saltuario.Può essere di carta o telematico.Nel primo caso,il lavoratore lo riceve dal datore che lo compra dal tabaccaio e lo incassa presso le Poste.Nel secondo caso,viene erogato dall'Inps sulla card intestata al lavoratore.

-Vale 10 euro nominale,ovvero 7,5 euro al netto dei contributi previdenziali e assicurativi contro gli infortuni (Inail).E corrisponde al compenso minimo di un'ora di lavoro.E' esente da Irpef.Quindi niente disoccupazione,maternità ,malattia,assegni familiari.Ma è riconosciuto ai fini del diritto alla pensione ,anche se i contributi versati alla gestione separata Inps sono molto bassi.

-Possono essere pagati con Voucher non più solo ragazzi con meno di 25 anni di età e non meno di 16 anni,che arrotondano d'estate con il lavoretto.Ma anche lavoratori part-time ,i pensionati,cassaintegrati,lavoratori extracomunitari,inoccupati,disoccupati..



da LA REPUBBLICA del 22 aprile 2016-Matteo Pucciarelli

Il giochino è semplice.Prendi un ragazzo,utilizzi tutti voucher a disposizione per la singola persona, costano poco, ti liberano da ogni responsabilità,e finiti quelli lo lascia casa.Per poi prenderne un altro.E così via all'infinito e oltre,volendo.Tanto formalmente è tutto in regola.
Selma Amar, 21 anni,ha lavorato 2 mesi in questo modo ad un Mc Donald's in provincia di Como."Ormai i contratti veri non li fa mica piu nessuno".Dice.Proprio perchè conviene puntare sul lavoratore a ore, zero vincoli e zero problemi (per l'impresa).Adesso ad esempio Selma fa la cameriera nel weekend in un ristorante.Anche li:voucher,per lei e i suoi colleghi,nessuno escluso.Gli entrano in tasca 7,50 euro l'ora pulite.Ne staccano tre ogni sera a testa,ma le altre ore ce le pagano in nero.Così se arriva un controllo sono in regola no? Basta non dire che di ore ne hai lavorate sei".
Quando feci il colloquio non domandai nemmeno quanto sarei stata pagata, figuriamoci come".

Voucher al posto di  una regolare seppur momentanea,contratti interinali di tre giorni l'uno,oggi nella catena di profumerie e domani magari al supermercato."Ne ho viste e vissute di tutti i colori e però la costante.
E' una:i miei coetanai accettano tutto,c'è una completa ignoranza sui propri diritti e allo stesso tempo una situazione di bisogno oggettivo che non permette di alzare la voce per lamentarsi",Mattia Dare,30 anni, cacciato dopo due giorni da commesso in un grande store di Milano perchè si rifiutò di essere perquisito alla fine di una giornata di lavoro davanti ai colleghi e ai clienti".I contratti sono quelli che sono e puoi farci poco.Ma il rispetto della privacy lo pretendevo",aggiunge.La sua segnalazione all'ispettorato del lavoro non è servita a molto,visto che non è servita a molto, visto che non ha ricevuto alcuna risposta.Le tabelle del sindacato dicono che in  una città come Milano,dove il terziario è in espansione e nel corso degli anni ha lentamente soppiantato il manifatturiero,i voucher nel 2015 sono aumentati del 75% rispetto all'anno precedente:sono stati venduti 8,25 milioni di ticket.Su base regionale,il loro utilizzo si è triplicato in due anni andando al di là del loro vero scopo,cioè remunerare piccoli lavoretti saltuari.Perchè un conto è pagare una baby sitter o la signora delle pulizie,un altro è destinarli per un manovale in un cantiere."Dal 2013 i lavoratori lombardi interessati ai voucher sono triplicati,spiega Roberto Benaglia delle segreteria Cisl,passando da 49.203 a 144.100,per un totale di oltre dieci milioni di buoni lavoro riscossi".Il boom non si è ancora adestato, i primi mesi del 2016 parlano di una ulteriore crescita esponenziale."Si utilizzano i voucher in sostituzione dei contratti,questa è la verità,chiosa Benaglia."Doveva servire per far emergere il lavoro sommerso,ragiona Massimo Bonini della Cigl,ma la norma è stata costruita male.Si sono allargati,settori di riferimento e l'abuso sta avendo un effetto deflagrante".

Nessun commento:

Posta un commento