Anglotedesco

Anglotedesco

martedì 17 maggio 2016

JENS WEIDMANN:" Con il debito non si alimenta la crescita"



Sono stufo di ripetere sempre le stesse cose.L'euro è una moneta a debito, i debiti pubblici continueranno sempre a crescere, è normale...

da LA REPUBBLICA del 17 maggio 2106

"Ovviamente la crescita è essenziale:su questo concordo perfettamente con Pier Carlo Padoan.Peraltro il governo di cui fa parte ha avviato molte importante riforme per stimolarla ,penso a quella del mercato del lavoro o alla riforma istituzionale.Però sono scettico verso chi pensa che il problema del debito si posta affrontare facendo altri debiti,o che il deficit sia la via giusta per favorire la crescita.A mio parere non c'è contrasto tra crescita e solidità dei bilanci.E sui conti pubblici,l'Italia non è certo un modello".

"Alla Bce ci occupano della politica monetaria di tutta l'eurozona.Ultimamente notiamo un indebolimento della spinta riformista e della disciplina di bilancio.Alcuni Paesi,oppressi in passato da oneri ingenti sul debito, non hanno saputo approfittare in misura sufficiente degli enormi risparmi in cui hanno fruito grazie ai tassi bassi".

"Non si tratta di prendere le difese di Mario Draghi,ma di sottolineare l'autonomia della Bce.Ho esposto la mia opinione basandomi su un'analisi economica.Quanto ho detto,peraltro ,è perfettamente in linea con quanto ho dichiarato in precedenza.Ovviamente è legittimo discutere di politica monetaria.Ma non bisogna mai mettere in discussione l'indipendenza delle banche centrali.Se il dibattito è così acceso,forse è perchè alcune delle misure finora adottate danno l'idea che limite tra politica monetaria e politica fiscale si sia sfilacciato ,modificando la ripartizione dei rischi sui bilanci delle banche centrali.Una dinamica che ci rende piu vulnerabili".

"La Commissione ricopre un duplice ruolo,molto difficile,verso il quale sono critico.E al tempo stessio custode dei trattati,ma è anche incaricata di mediare tra i diversi interessi politici.Purtroppo i compromessi che ne conseguono vanno spesso a discapito della disciplina di bilancio.Anch'io ,come Wolfang Schauble, penso che sarebbe opportuno creare una commissione indipendente incaricata di valutare oggettivamente il rispetto delle regole.Si solleverebbe così la Commissione da questo compito, sperando l'analisi economica dalle decisioni politiche".

Nessun commento:

Posta un commento