Anglotedesco

Anglotedesco

Secondo voi chi fa piu danni all'Italia Draghi o Berlusconi?

martedì 21 giugno 2016

BREXIT.Pachistani e bengalesi voteranno come Nigel Farage...



Prima stavo ascoltando via Youtube la presentazione del libro di Alberto Bagnai a Bologna qualche giorno fa, e nei primi 15-16 minuti parla di immigrazione.Il professore dice che un giorno ha parlato con Stefano Fassina al telefono ricordandogli il problema immigrazione.L'ex FMI gli ha risposto che quello è un problema di Salvini.
Questo pezzo di articolo che pubblico sotto dimostra che tra l'Italia e la Gran Bretagna c'è una differenza incredibile.Pensate un po se in Italia un bengalese la pensasse come Matteo Salvini, sarebbe linciato dai gruppi estremisti di sinistra.Purtroppo nel Belpaese delle banane la gente come mentalità è ferma al 1946.Devi sempre stare attento a quello che dici. Se un bidone è verde  e lo dice uno di Casapound, devi dire c per forza che è rosso altrimenti prendi del fascista.Ma con questa mentalità dove si va? Poi ci sono gli ignoranti anche in Gran Bretagna per carità. Dire che "gli italiani rubano il posto ai britannici", è una fesseria, è la globalizzazione che vuole questo.

da LA STAMPA del 21 giugno 2106-Alberto Simoni

Dinih ha radunato qualche volontario,l'appuntamento è all'uscita della metropolitana di Stepney Green.Siamo nella zona di Towers Hamlets,all'ombra della City e dei grattacieli che svettano appena due fermate di metropolitana piu a Ovest,ma è un altro mondo.Immigrati,bengalesi sopratutto,ma anche polacchi,italiani,cittadini dell'Est, donne velate,arabi e qualche africano.Le statistiche inchiodano il distretto londinese fra le zone piu disagiate.A Tower Hamlets piu che i numeri dei residenti,guardano altre cifre:secondo l'ultimo censimento il 37,9% dei bambini di Tower Hamlets vive sotto la soglia della povertà.I militanti sono appena 7, ma motivatissimi,tutti bianchi,tre signore di mezza età,e quattro giovani.Due indossano le magliette blu con la scritta Leave.Quando ci avviciniamo Dinah si chiude a riccio."Non abbiamo niente da dire,non vogliamo parlare".Uno dei ragazzi,dopo aver chiesto da dove veniamo inveisce con gli "italiani che rubano il posto di lavoro agli inglesi".

I bengalesi di Tower Hamlets passano oltre le volgarità di Farage e all'unisono esplodono in un "voteremo per andarcene dalla Ue".E così faranno tutti gli asiatici qui.Perchè? Chiediamo "Perchè cosi si aprono posti di lavoro,sappiamo che ci sono rischi per l'economia,ma sappiamo anche che non dureranno a lungo",spiega Nashir, fisioterapista.Intanto,è la sua tesi,da venerdi chi perderà il diritto di stare a Londra se ne andrà.L'amico Zahid punta lo sguardo verso lo Shard e gli scintillanti grattacieli della City.
"Laggiù nei ristoranti ci sono europei,sopratutto romeni,pagati nulla per lavorare,meno dei minimo sindacale,anche questo rovina la concorrenza,toglie spazio a coloro che lavorano in piena regola".
Al di là della strada a fermare le persone che escono dalla metropolitana c'è Michael,l'altra Londra.
E' vestito da "in",indossa la maglietta ufficiale del "stronger in Europe",piu forti in Europa,stick, adesivi,volantini,sono oltre tre ore che sorride a tutti e cerca di convincere i passanti a restare "europei".
"Sono terrorizzato,non so come andrà a finire".Non lo rassicurano nè  i sondaggi" cosa vuoi che sia un margine di due punti, nè gli appelli che vengono ormai da ogni parte per scongiurare l'uscita."Giovedi sera prendo un sonnifero,mi sveglierò al mattino e scoprirò tutto,meglio un colpo netto che l'agonia dei dibattiti tv su un numeri incerti".Contro di lui ci sono Dinah e gli altri bengalesi.Strana alleanza.Chissà se vincente.

Nessun commento:

Posta un commento