Anglotedesco

Anglotedesco

domenica 10 luglio 2016

Perchè gli interventi della BCE sono inadeguati a superare la crisi



La Banca centrale europea (BCE) ha effettuato tre tipi principali di interventi "non convenzionali" (diversi cioè dalle modifiche dei tassi d'interesse) per limitare gli effetti della crisi.
In un primo luogo,ha acquistato grosse quantità di Titoli di Stato italiani, spagnoli,greci,portoghesi e irlandesi per sostenere i prezzi.Se proseguita, questa strategia porterebbe alla transfer union di cui si sono visti i limiti.Infatti è stata fortemente criticata dalla Germania,che allo transfer union si oppone,fino a portare,nel corso del 2011,alle dimissioni dal consiglio direttivo della BCE di due membri tedeschi (Weber e Stark.
In secondo luogo,tra fine 2011 e inizio 2012 sono tate attivate operazioni di LTRO (Long Term Refinancing operations) per circa 1000 miliardi di euro.In pratica,la BCE ha erogato finanziamenti fino a tre anni di durata,al tasso dell'1%,a un ampio ventaglio di banche europee,prendendo a garanzia attività finanziarie quali (principalmente) Titoli di Stato dei vari Paesi.
La LTRO sono state utili perchè molte banche europee rischiavano di non riuscire a raccogliere fondi sul mercato intercreditizio o tramite raccolta dal pubblico, e quindi di avere grossi problemi a rifinanziare impegni in scadenza (tra cui prestiti obbligazionari).Si è quindi evitato il fallimento di qualche grosso istituto.
E' stato notato (e da molti criticato) che le banche non hanno,con queste grandi masse di liquidità,espanso il credito ,ma l hanno lasciate "parcheggiare" (per la parte non necessaria a far fronte a impegni in scadenza) in depositi presso la BCE.
Queste critiche però ignorano un importante elemento.Le politiche di deflazione interna via austerità,come visto, deteriorano consumi,redditi,risparmio,valori immobiliari:tutti i fattori alla base della qualità di credito di aziende e privati.
Di fronte a questa situazione,una banca ha grandi difficoltà ad adottare politiche di espansione del credito.

da LA SOLUZIONE PER L'EURO-Marco Cattaneo e Giovanni  Zibordi (HOEPLI)

Nessun commento:

Posta un commento