Anglotedesco

Anglotedesco

giovedì 20 ottobre 2016

ISIS.Quello che i giornalai italiani non scrivono...



LE FONTI PER QUESTO POST PROVENGONO DA COMPLOTTISTI MOLTO PERICOLOSI CHE VORREBBERO UN MONDO GOVERNATO DALLA DITTATURA NAZIFASCISTA...

Ovunque ci sia un Paese,con un governo indipendente e dotato di riserve petrolifere ,risorse finanziarie ,agricole o strategiche che non sia ancora sottomesso al controllo delle multinazionali,viene prontamente lanciata una campagna guidata dagli  Stati Uniti per distruggerlo? "Iran,Iraq,Afganistan,Palestina,Egitto ,Libia e Siria vivono questa situazione sulla propria pelle da anni,dal rovesciamento del presidente socialdemocratico iraniano Massadeq nel 1953 fino all'attuale esempio dello Stato siriano,spazzato via con le sue politiche sociali e la sua relativa autonomia.Il Libano era una delle nazioni progredite del Medio Oriente,finché Israele lo attaccò nel 1982:da allora è dilaniato dalla guerra civile.Lo Stato sociale iracheno ,che brillava nella regione per la sanità,l'istruzione, i servizi pubblici e i sussidi agricoli e alimentari ,dal 1990 si è visto imporre una guerra civile che continua ancora oggi".L'Iraq di Saddam Hussein è stato annientato perché galleggiava su un mare di petrolio.Come se non bastasse ,dal 2011 la Siria è stata rasa al suolo da un conflitto interno fomentato da potenze straniere.
L'espediente di scatenare una guerra civile per devastare un Paese e poi saccheggiarlo liberamente è stato finora applicato piu volte ,dal Pakistan all'Iraq,alla Siria ,all'Africa musulmana,per non parlare del caso dell'Ucraina in piena Europa.Lo Stato islamico di Iraq e Siria (ISIS) è uno strumento al servizio di questa strategia.È finanziato e armato dalle stesse forze che,sotto la guida degli Stati Uniti ,lo bombardano in Siria e in Iraq.Siamo alla follia pura.Al cinismo somministrato a piccole dosi a uso di ingenui e fantocci.
Si inizia a nutrire qualche dubbio ,quando ci si domanda come faccia un convoglio di camion giapponesi nuovi di zecca, tutti identici e carichi di terroristi ,ad attraversare il deserto a passo di lumaca in pieno giorno e al tempo stesso  si sentono i leader politici e militari d'Occidente proclamare che "la guerra all'ISIS rischia di essere interminabile.Dietro la cortina di ferro e gli specchi,si comincia a intravedere un universo parallelo.
Per gli Usa ,la Gran Bretagna e la Nato ,ma anche per gli israeliani e i sauditi ,un simile spargimento di sangue su scala mondiale ,è un indicatore di successo ,cosi come il "terrorismo" in Libia ,Siria,Iraq o Yemen sarebbe solo la riprova della viltà e bassezza morale del nemico.La manipolazione dei fatti e il ricorso a mezzi totalitari per quel "controllo della realta'" cosi magistralmente descritto da Orwell in 1984 sono mascherati dietro complessi sofismi.
La "guerra globale contro il terrorismo"viene spacciata per "scontro di civiltà",per un conflitto tra valori e religioni ,mentre in realtà risponde a spudorati obiettivi strategici ed economici.
ISIS ,Al Qaida nel Maghreb islamico (AQMI),Fratelli musulmani,talebani ,Hizb ut-Tahir (HUT),Gruppo dei combattenti islamici libici (LIFG), Ansar al-Sharia,Scudo libico, Brigata dei martiri del 17 febbraio:sono tutto frutto di politiche a lungo termine concepite a Washington e a Londra e finanziate da organizzazioni "benefiche" saudite.L'Isis è un prototipo ,uno strumento in mano agli americani per intensificare il controllo sul Medio Oriente tramite il terrore,il caos e la devastazione sociale.Finché un nemico sempre mutevole potra' essere accusato di tutti i mali, nessuno punterà il dito contro il vero colpevole.Va compreso che la minaccia terroristica dell'ISIS e dei gruppi affini costituisce la pietra angolare della dottrina militare degli Stati Uniti e della NATO.Dottrina che,dietro il pretesto di un mandato umanitario,giustifica "operazioni antiterrorismo"su scala globale.
Le forze angloamericane stanno conducendo operazioni su operazioni per provocare cambiamenti di regime,tra rivoluzioni colorate e primavere arabe ,al solo scopo di dare vita a un nuovo sistema per dominare il mondo ,in sostituzione di quello vecchio ormai in declino,che finora aveva garantito la supremazia all'impero
con sede nella City e a Wall Street.Gli eterni conflitti armati in seno alle nazioni e la guerra tra satrapie fanno parte del piano segreto  per introdurre un nuovo Medioevo che permetta di assoggettare quelli che erano Stati sovrani.

COME MAI QUEI GIORNALAI CHE SI LAMENTANO SEMPRE DELLA  MANCANZA DI LIBERTA' DI STAMPA NON SCRIVONO QUESTE COSE O DEL DISCORSO DELL'ARCIVESCOVO DI ALEPPO NEL VIDEO SOPRA?

Nessun commento:

Posta un commento