Anglotedesco

Anglotedesco

domenica 2 ottobre 2016

NEWS DAL RESTO D'EUROPA.Belgio .minorenni ed eutanasia



Vorrei pubblicarle piu spesso queste news dall'Europa e dal mondo ma salta sempre fuori qualcosa.

L'AFD CRESCE ANCHE A BERLINO

Il 18 settembre a Berlino si è votato per il rinnovo del governo locale.La Spd si è confermata primo partito della capitale tedesca con il 21,7% dei voti,il 6,6% in meno rispetto alle elezioni del 2011.La Cdu della cancelliera Angela Merkel si è fermata al 17,8% ,perdendo il 5,5% rispetto al 2011.La Sud-deutsche Zeitung spiga che il sindaco uscente,il socialdemocratico Micheel Muller potrà continuare a governare formando un'alleanza con i Verdi e la Linke (sinistra radicale).Ma il risultato piu eclatante è quello dei populisti dell'Alternative fur Deutschland (Afd) arrivata al 13,9%.La nuova affermazione dell'AFD ,dopo quella nel land del Meclemburgo-Pomecrania Anteriore il 4 settembre, è stata favorita da una campagna elettorale incentrata sugli attacchi alla politica di apertura ai profughi di Merkel."La stessa cancelliera si è presa la responsabilità della sconfitta e ha ammesso alcuni errori nella politica migratoria".

BELGIO.Minorenni ed eutanasia 

Un malato terminale minorenne è morto il 17 settembre in Belgio ricorrendo all'eutanasia.Lo ha rivelato il quotidiano fiammingo Het Nieuwsblad citando il presidente della commissione nazionale di controllo e valutazione sull'eutanasia.Si tratta del primo caso in Belgio,unico paese al mondo in cui la legge permette a un paziente minorenne colpito da una malattia "grave e incurabile" di mettere fine a "sofferenze fisiche e psicologiche costanti e insopportabili",purchè ne abbia fatto richiesta e i genitori siano d'accordo."E' un caso eccezionale",spiega La Libre Belgique."Lo dimostra il fatto che due anni e mezzo dall'entrata in vigore della legge non era mai successo".


BOSNIA ERZEGOVINA.Il referendum dei serbi

Milorad Dodik,presidente della Repubblica serba,una delle due entità che compongono la Bosnia Erzegovina,ha stabilito che il 21 settemre si svolgerà un referendum per confermare la scelta del 9 gennaio come giorno di festa nazionale.La corte costituzionale bosniaca aveva bocciato la data perchè corrisponde al giorno del 1991 in cui fu proclamata la Repubblica del popolo serbo:l'annuncio precedente la sanguinosa guerra degli anni novanta,un evento divisivo per il paese.La comunità internazionale,con l'importante eccezione della Russia,ha chiesto a Dodik di rinunciare al referendum.Il primo ministro serbo Aleksandar Vucic ,che riceverà Vladimir Putin alla vigilia della consultazione,non ha sostenuto esplicitamente il referendum,preferendo mantenere un basso profilo."Dodik ha indetto il referendum per distrarre gli abitanti dalla disastrosa situazione economica nella Repubblica Serba,scrive Oslobodenje.



Nessun commento:

Posta un commento