Anglotedesco

Anglotedesco

domenica 13 novembre 2016

Quella Commissione Trilaterale che nessuna tv parla mai...




Nel 1975 i membri della Commissione Trilateterale avevano elaborato uno studio intitolato LA CRISI DELLA DEMOCRAZIA.Come già i progressisti del New Repubblic durante la Prima Guerra mondiale ,anche gli studiosi della Trilaterale elevarono il concetto di intellettuale ben al di sopra dell'eccezione che ne aveva dato Brunetiere,includendovi gli intellettuali tecnocratici e guidati dalla politica:pensatori responsabili e coscienziosi che si dedicano in modo costruttivo a plasmare la linea politica all'interno di istituzioni consolidate e si assicurano che l'istruzione dei giovani segua il suo corso.
Quel che piu allarmava gli uomini della Trilaterale era l'eccesso di democrazia prodottosi durante le turbolenze degli anni Sessanta ,quando settori normalmente inattivi e apatici della popolazione erano entrati nell'agone politico per far valere le proprie istanze:minoranze etniche ,donne,giovani ,vecchi,lavoratori...insomma,il popolo.Costoro vanno tenuti distinti dai "padroni dell'umanità" come li chiamava Adam Smith,ossia i principali architetti della politica di governi fedeli alla "vile massima":"Tutto per noi e niente per gli altri".
Per sgravare lo Stato dal peso eccessivo imposto da quei gruppi d'interesse,i trilateralisti invocano una maggiore "moderazione in democrazia",ossia il ritorno all'inerzia da parte dei meno degni o addirittura il ritorno ai tempi felici in cui "Truman era riuscito a governare il paese con la collaborazione d'un numero relativamente ristretto di banchieri e di avvocati  di Wall Street ,e per questo la democrazia aveva prosperato.

Nessun commento:

Posta un commento